IoNonViVoto: Greenpeace contro politici a favore di carbone e petrolio

Niente voto per chi sostiene carbone e petrolio. Al via la nuova campagna di Greenpeace “IoNonViVoto” in vista delle prossime elezioni politiche del 2013. L’associazione ambientalista punta a mettere al centro dell’attenzione l’orientamento in materia energetica dei principali candidati alla guida del Paese, così da far emergere chi realmente ha deciso di puntare sulla salute dell’ambiente e del clima.

Primo passo della campagna “IoNonViVoto” è stato affiggere in tutta Roma dei manifesti con i volti di Bersani, Renzi, Casini, Fini e Alfano e sopra di loro la scritta “Sei amico del carbone e del petrolio?”. Il titolo dell’iniziativa non deve però lasciare fraintendere lo spirito con cui l’associazione promuove la sua azione. Come sottolinea Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace:

Il nostro non è un messaggio astensionista. Al contrario, pensiamo sia giunto il momento in cui i cittadini devono porre delle condizioni chiare e inequivocabili a chi si candida a governarli.

Una campagna che vede Greenpeace impegnata su due fronti, quello della partecipazione dei cittadini attraverso un petizione/questionario disponibile sul sito iononvivoto.org e su quello, a quanto pare ben più difficile, della collaborazione da parte degli esponenti politici:

Abbiamo inviato un questionario molto preciso a tutti i leader politici nazionali su queste questioni. Al momento hanno risposto in pochi. La politica nel suo complesso, anche quando chiede il voto ai cittadini, rimane sorda e distante. C’è bisogno di cambiare presto le cose, per ridare futuro al nostro Paese.

Greenpeace comincia da questi temi, l’energia, la salute e il clima, che sono decisivi. E giocherà la sua partita fino all’ultimo per ottenere risposte e impegni chiari e per informare tutti su chi sono, tra i leader nazionali, i veri alleati delle lobby fossili. Quelli che non voteremo mai più.

19 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Sistemipolicarbonato, martedì 20 novembre 2012 alle16:33 ha scritto: rispondi »

...e meno male.... sembra cosa buona e giusta!!!!!

Angelo, martedì 20 novembre 2012 alle11:57 ha scritto: rispondi »

Allora Green Peace ! Avete identificato i politici che hanno sanato quanto perpetrato dalle... "SORELLE"... dello shale gas e rinnovato i permessi di riprendere nuove trivellazioni e sfrugugliamenti vari nel sottosuolo ed a ridosso delle ns. coste ?

Angelo, lunedì 19 novembre 2012 alle20:32 ha scritto: rispondi »

Ahooo Green Peace.... e l' hydraulic fracking ? E lo shale gas ? Includete per favore nel voto contro anche questo !  Soprattutto contro chi ha sanato quanto perpetrato finora e poi consentito nuove trivellazioni nonostante le... pietre tombali ... imposte dalla regione Emilia (vedi dichiarazioni trionfalistiche di Errani dopo il terremoto del 20 e 29 maggio) !

Lascia un commento