Per portare in tavola una ricetta completamente cruelty free e un po’ di esotismo non c’è niente di meglio degli involtini di alghe. In realtà questa ricetta vegan possiede molti altri ingredienti, tra cui quello che si vede più in superficie, il radicchio. Ma quello che la rende unico questo piatto è la presenza delle alghe hijiki. Si tratta di piccole alghe nere che crescono sulle coste di Giappone, Corea e Cina e che contengono calcio, ferro e magnesio.

In questa ricetta vegan, le alghe hijiki sono unite a ortaggi e altri ingredienti che sono propri del patrimonio gastronomico europeo e in particolare italico. La ricetta può essere un antipasto da offrire nel corso di un pasto con 6 persone o come piatto unico per 2 persone, secondo quello che si preferisce. Occorre un frullatore e un forno a microonde per realizzarlo.

Hijiki

Ingredienti

  • 300 g di hijiki;
  • 1 rapa;
  • 1 carota;
  • 1 zucchina;
  • pinoli qb;
  • pistacchi qb;
  • aceto qb;
  • salsa di soia qb;
  • semi di sesamo qb;
  • 1/2 radicchio rosso;
  • pepe qb;
  • olio d’oliva qb;

Procedimento

  • Lavare e pulire per bene la rapa, la carota e la zucchina. Tagliare tutto a julienne per poi saltare per un paio di minuti in padella il tutto con un po’ d’olio d’oliva;
  • Lasciare in ammollo le alghe hijiki per un paio d’ore circa. Si acquistano solitamente nelle rivendite specializzate in cibo etnico o nella grande distribuzione che vende a utenza munita di partita IVA. Lavare e scolare poi le stesse alghe utilizzando magari uno scolapasta a grana molto sottile;
  • Cuocere le alghe con l’aceto, indifferentemente di vino, di mele o anche balsamico, secondo le proprie preferenze; aggiungere anche la salsa di soia e un po’ d’acqua, finché tutto il liquido non si sarà ritirato;
  • Unire la pappina ottenuta con gli ortaggi saltati e frullare il tutto aggiungendo anche pinoli e pistacchi tritati finché non si ottiene una crema grossolana;
  • Cuocere lievemente al vapore le foglie di radicchio, dopo averle lavate e pulite con accuratezza. In alternativa, il radicchio può essere lasciato crudo;
  • Riempire ogni foglia con ciò che è stato frullato e richiudere;
  • Spolverare di semi di sesamo e pepe. ;
  • Prima di servire, passare al microonde per uno o due minuti a potenza massima se si desidera portare in tavola un piatto caldo. Altrimenti procedere a impiattare e servire la ricetta così com’è;

22 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento