Gli investimenti nelle energie rinnovabili nel terzo trimestre del 2014 hanno fatto segnare un incremento notevole, attestandosi a quota +11% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A rivelarlo è la Clean Energy Pipeline, rivista specializzata in approfondimenti e analisi di dati del settore rinnovabile.

I nuovi investimenti nelle fonti rinnovabili nei mesi di luglio, agosto e settembre hanno raggiunto la cifra di 64,8 miliardi di dollari. Rispetto al secondo trimestre del 2014 si è verificato un calo del 3%. Ad aprile, maggio e giugno gli investimenti globali nelle energie rinnovabili si sono attestati a quota 67 miliardi di dollari. Come ha sottolineato Douglas Lloyd, CEO di Clean Energy Pipeline:

Nonostante una lieve flessione rispetto al trimestre precedente, i dati degli ultimi tre mesi suggeriscono che gli investimenti nelle rinnovabili effettuati nel 2014 supereranno quelli registrati nel 2013. Si tratta di una buona notizia per l’industria delle rinnovabili dopo i trend negativi nel 2012 e nel 2013.

La crescita dei nuovi investimenti si deve perlopiù ai mercati asiatici. Solo nell’ultimo trimestre in Asia nel settore rinnovabile sono stati investiti fondi per 14,6 miliardi di dollari. La Cina ha raddoppiato gli investimenti nell’energia solare, finanziando progetti per un totale di 5,4 miliardi di dollari. Il Giappone ha contribuito in modo sostanziale all’aumento degli investimenti, stanziando nell’ultimo trimestre del 2014 1,8 miliardi di dollari.

Il 25% dei capitali investiti in tutto il mondo nel mercato delle energie rinnovabili è servito a finanziare nuovi progetti nel settore solare. Il report della Clean Energy Pipeline è decisamente più ottimistico dell’analisi effettuata da Bloomberg sullo stesso periodo. Secondo gli analisti della Bloomberg New Energy Finance il terzo trimestre del 2014 ha visto investimenti globali nelle rinnovabili pari a 55 miliardi di dollari.

Si tratta, in entrambi i casi, di dati molto incoraggianti che testimoniano la ripresa del mercato. Una ripresa che ora andrà sostenuta dai Governi per assicurare stabilità al settore anche negli anni a venire.

20 ottobre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento