Gli integratori di vitamina B sarebbero sotto accusa secondo uno studio realizzato negli Stati Uniti, perché sarebbero correlati con un più alto rischio di sviluppare tumori ai polmoni. In particolare il pericolo sarebbe più alto con gli integratori delle vitamine B6 e B12.

Lo hanno scoperto gli esperti dell’Ohio State University Comprehensive Cancer Center, che hanno riportato i dati a loro disposizione sul Journal of Clinical Oncology. La ricerca ha dimostrato che vi potrebbe essere una correlazione tra l’assunzione ad alto dosaggio di vitamine B6 e B12 e un più consistente rischio di sviluppare tumori ai polmoni.

=> Antiossidanti extra dagli integratori inutili secondo uno studio, leggi perché

 

In genere queste vitamine vengono assunte sotto forma di integratore per migliorare il metabolismo o per rimediare ad alcune carenze dovute alla dieta, come per esempio quelle che sono riscontrabili nella dieta vegana. Gli scienziati hanno sottolineato che il pericolo aumenta dal 30% al 40% per chi assume sostanze di questo genere.

I ricercatori hanno preso in esame più di 77 mila persone e le hanno monitorate nel corso di 10 anni. In questo modo hanno potuto osservare che la possibilità di sviluppare tumori polmonari era collegata ad un’assunzione di vitamine superiore a migliaia di volte la dose giornaliera raccomandata e riguardava in particolare gli uomini.

=> Scopri integratori e alimenti che contengono vitamina B12

 

I fumatori sembravano essere soggetti ad un rischio di tre e quattro volte maggiore rispettivamente per i due supplementi. Gli esperti fanno sapere che le conclusioni della ricerca vanno prese con le pinze, perché i dati potrebbero semplicemente costituire una possibilità statistica. Adesso sono in corso altri studi, per constatare se i risultati tra gli uomini siano simili in un altro studio ampio e per vedere se il pericolo sussista anche tra le donne in post-menopausa.

Il Dipartimento della Sanità statunitense ha spiegato che la quantità raccomandata di vitamina B6 è di circa 1,4 mg al giorno per gli uomini e di 1,2 mg al giorno per le donne. Ha specificato che tutti dovrebbero essere in grado di ottenere questo quantitativo dalla loro dieta quotidiana.

L’ente USA avverte che quando si prende un integratore è importante non esagerare con le dosi, spiegando che quando si assumono dosaggi di più di 200 mg al giorno per lungo tempo si può andare incontro anche ad una perdita di sensibilità nelle braccia e nelle gambe nota come neuropatia periferica. Per la vitamina B12 la dose consigliata per gli adulti è di circa 1,5 mcg al giorno, ricavando questo dosaggio soprattutto dal consumo di carne, pesce o latticini.

24 agosto 2017
Lascia un commento