Inquinamento, OMS: smog è nuovo tabacco, emergenza per i bambini

L’OMS lancia l’allarme che riguarda l’inquinamento. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 90% dei bambini nel mondo respirerebbe aria tossica dovuta allo smog.

Il problema non riguarderebbe soltanto l’esterno, ma coinvolgerebbe anche gli spazi all’interno delle abitazioni. Una vera questione con cui si deve avere a che fare e di fronte alla quale gli esperti non vogliono chiudere gli occhi.

Spesso si sottovalutano gli effetti dell’inquinamento dell’aria e non si tengono nella giusta considerazione le conseguenze che ci possono essere per la salute degli individui. Gli esperti dell’OMS sottolineano come soltanto nel 2016 ci siano state 600 mila morti nei bambini, tutti decessi dovuti proprio all’eccesso di smog.

L’OMS ha rilasciato a questo proposito un documento. Nel rapporto si possono leggere le parole del direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus, il quale fa presente:

L’aria inquinata sta avvelenando milioni di bambini e rovinando le loro vite. Questo è imperdonabile. Ogni bambino dovrebbe poter respirare aria pulita per crescere al massimo del proprio potenziale.

Ma c’è molto di più, perché gli scienziati sottolineano delle conseguenze a cui non si era mai pensato prima d’ora. L’OMS ha fatto sapere che gli effetti negativi dell’inquinamento ambientale iniziano già durante la gestazione. Proprio l’eccessiva esposizione della madre e del nascituro alle particelle inquinanti può determinare parti prematuri e un peso inferiore dei neonati.

Gli esperti internazionali sottolineano come l’inquinamento avrebbe delle conseguenze negative sullo sviluppo mentale dei bambini. Naturalmente è logico che c’è un’incidenza anche delle malattie respiratorie. Ulteriori ricerche scientifiche hanno provato che chi respira aria inquinata da bambino quando diventa grande può essere esposto ad un maggiore rischio di malattie cardiovascolari.

Per l’OMS quindi l’inquinamento atmosferico è una vera e propria emergenza. Tedros Adhanom, esprimendo la sua opinione sulla stampa internazionale, ha definito l’inquinamento come il nuovo tabacco, proprio perché lo smog farebbe più vittime rispetto al fumo, per ciò che concerne la patologia polmonare ostruttiva cronica, le malattie che interessano l’apparato cardiaco, l’ictus, le patologie respiratorie e perfino il tumore ai polmoni.

30 ottobre 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento