Un pannello in lamiera di alluminio in grado di ridurre l’inquinamento atmosferico senza consumare energia. Lo ha realizzato la multinazionale Alcoa, che non ha esitato a definirlo un prodotto “rivoluzionario”. Il pannello, ideato in collaborazione con la società di ingegneria giapponese Toto, promette di depurare l’aria senza dispendio energetico, grazie alla possibilità di utilizzare l’energia dei raggi solari.

L’innovativo sistema è basato su uno speciale rivestimento in diossido di titanio, denominato EcoClean, che viene applicato direttamente sulle lamiere. Grazie alla tecnologia EcoClean, i raggi ultravioletti della radiazione solare vengono utilizzati per dissociare le molecole di sostanze inquinanti presenti nell’aria, e trasformarle in polvere innocua, che viene poi lavata via dall’acqua piovana.

Ma la caratteristica più interessante del pannello anti-smog è probabilmente la sua capacità di agire non solo sulle sostanze inquinanti che si depositano sulla sua superficie, ma anche quelle presenti nell’aria circostante. Una proprietà che, secondo Alcoa, rende l’azione di EcoClean simile a quella degli alberi, che attraverso i loro normali processi metabolici riescono a depurare l’aria. Mille metri quadrati delle nuove lamiere dovrebbero “sostituire” l’azione filtrante di 80 alberi, capaci di eliminare ogni giorno una quantità di smog equivalente a quella prodotta da quattro automobili.

I nuovi pannelli potranno essere usati nel settore dell’edilizia, dell’industria, dei trasporti e anche per la segnaletica stradale. Secondo l’azienda produttrice, questo sistema permette anche di abbattere drasticamente le spese per la manutenzione dei pannelli. I costi, promette Alcoa, possono calare anche del 75%.

23 maggio 2011
Lascia un commento