Inquinamento acustico auto: nuove regole UE anche per le elettriche

Il Parlamento europeo ha approvato una proposta di risoluzione che punta a contrastare il fenomeno dell’inquinamento acustico causato da automobili e veicoli pesanti. Il progetto di normativa, che ora dovrà essere discusso con i governi dei Paesi membri, è stato approvato con 401 voti a favore, 228 contrari e 20 astensioni.

>>Leggi quali siano le maggiori fonti di inquinamento acustico secondo gli italiani

La misura principale prevista dalla bozza di provvedimento consiste nell’abbassamento graduale (entro 6-8 anni) del limite delle emissioni sonore delle automobili da 72 a 68 decibel. Per i mezzi pesanti e le auto di grossa cilindrata la soglia dovrebbe essere progressivamente ridotta da 81 a 79 decibel.

A preoccupare il Parlamento UE sono i livelli di rumore cui sono normalmente esposti i cittadini comunitari. Secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente, infatti, almeno la metà della popolazione urbana dell’Unione Europea è esposta con regolarità a una rumorosità superiora a 55 decibel proprio a causa del traffico veicolare. Una condizione che può determinare l’insorgenza di problemi di salutea carico di diversi organi.

>>Scopri quali problemi di salute siano legati in Europa all’inquinamento acustico

Di qui la richiesta di inasprire i limiti per i vari tipi di veicoli. La risoluzione votata a Strasburgo prevede però anche un miglioramento dell’informazione a carico dei cittadini. Come già avviene per le emissioni di CO2, per l’efficienza dei pneumatici e per il consumo di carburante, la proposta prevede l’introduzione di un sistema di etichettatura che informi gli automobilisti del livello delle emissioni rumorose del mezzo. Moderata la soddisfazione di Miroslav Ouzký, europarlamentare della Repubblica Ceca e relatore del provvedimento:

L’impatto nocivo del rumore del traffico è stato scientificamente provato, ma la proposta legislativa è interamente concentrata sul rumore generato dal motore del veicolo. La mia idea era più completa fin dall’inizio, dobbiamo affrontare altri fattori, come la qualità di catrame strada, l’aerodinamica e i pneumatici.

Opposte, infine, le misure previste per le auto elettriche e ibride, che al contrario dei veicoli tradizionali presentano il problema contrario di essere troppo silenziose, rappresentando un potenziale pericolo per pedoni e ciclisti. Per queste categorie di veicoli, il Parlamento europeo chiede l’introduzione di un regolamento che imponga l’uso di speciali segnalatori acustici.

7 febbraio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento