L’influenza colpisce in maniera più dura gli uomini delle donne. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori della Johns Hopkins University, secondo i quali il gentil sesso risulterebbe più protetto dalla malattia grazie a una propagazione ridotta del virus.

Non vi sarebbe una minore “tolleranza” all’influenza degli uomini rispetto alle donne, secondo lo studio condotto dalla Dr.ssa Sabra Klein, ma un differente grado di infezione. Il virus si riprodurrebbe in misura inferiore nelle donne a causa degli alti livelli di estrogeni, che ne inibirebbero la diffusione nell’organismo. Come ha affermato la ricercatrice:

Vediamo del potenziale clinico nel riscontrare che gli estrogeni, utilizzati per trattare infertilità e menopausa, possano svolgere anche un’attività protettrice contro l’influenza.

Secondo studi precedenti gli estrogeni disporrebbero inoltre di proprietà antivirali capaci di contrastare HIV, Ebola e virus dell’epatite. Durante la ricerca condotta dalla Dr.ssa Klein, pubblicata sull’American Journal of Physiology – Lung Cellular and Molecular Physiology, i ricercatori hanno prelevato cellule nasali, le prime infettate dal virus in caso di malattia.

In seguito le colture realizzate sono state esposte prima al virus, poi a differenti sostanze: estrogeni, estrogeno ambientale bisfenolo A e SERM (moduli selettivi dei recettori degli estrogeni, impiegati nella terapia ormonale). L’utilizzo di queste sostanze ha ridotto la riproduzione del virus influenzale, agendo però soltanto nelle cellule prelevate da donne (nessun effetto negli uomini). A indurre l’azione protettiva degli estrogeni sarebbero i recettori beta, come ha spiegato la Dr.ssa Klein:

In primo luogo abbiamo condotto il nostro studio prelevando cellule primarie isolate dai pazienti, il che ci ha permesso di identificare in maniera diretta l’effetto sesso-specifico degli estrogeni. Secondo, questo è il primo studio che identifica i recettori degli estrogeni come responsabili per gli effetti antivirali degli estrogeni.

Sia donne che uomini possono tuttavia beneficiare di alcuni pratici ed efficaci rimedi naturali per combattere i sintomi dell’influenza. In primo luogo seguendo un’alimentazione ricca di cibi e bevande in grado di stimolare il sistema immunitario, tra i quali troviamo anche spinaci, aglio, cannella e tè Pu-Erh.

Mal di gola e tosse possono essere contrastati assumendo del miele, come quello di Manuka o di eucalipto (dalle proprietà balsamiche), dell’aglio (anche mezzo spicchio pestato in un bicchiere di latte caldo col miele), mentre per la cura del mal di testa è indicato un infuso di salice.

14 gennaio 2016
Fonte:
Lascia un commento