Saranno 7 milioni gli italiani colpiti dalla prossima ondata di influenza. Quello profilato dai medici appare quindi come un bilancio ben più elevato di quello dello scorso anno, quando si rimase al di sotto della soglia di 5 milioni di ammalati.

L’influenza quest’anno vedrà la comparsa di due nuove varianti del virus, in arrivo dall’Asia. L’individuazione precoce di queste nuove tipologie ha consentito ai medici di valutare al meglio il quadro generale e mettere a punto vaccini che dovrebbero risultare efficaci contro qualsiasi manifestazione influenzale.

Il consiglio dei medici è quello di vaccinarsi a ottobre, soprattutto per chi rientra nelle categorie a maggiore rischio: over 65, bambini (con più di 6 mesi) e coloro che risultano affetti da patologie che espongono maggiormente a eventuali complicazioni.

=> Scopri i rimedi naturali in caso di influenza

Chi non volesse percorrere la strada della vaccinazione avrà tuttavia a disposizione alcuni consigli utili e dei rimedi naturali, utili sia in fase di prevenzione che, in caso di avvenuta infezione, per il trattamento della sintomatologia e per favorire un più rapido decorso della malattia.

I medici sottolineano infine come l’influenza comporti, per essere realmente definita tale, la presenza allo stesso tempo di sintomi respiratori come raffreddore, tosse e mal di gola, ma anche senso di stanchezza, dolori muscolari e articolari. Una presenza solo parziale di tali manifestazioni farebbe quindi riferimento a infezioni respiratorie acute o a sindromi parainfluenzali.

Consigli utili e rimedi naturali

Lavarsi le mani è il primo consiglio utile per evitare il possibile contagio. Soprattutto se si utilizzano i mezzi pubblici per andare al lavoro o se durante le proprie attività si viene a contatto con superfici od oggetti a uso pubblico (sostegni sulla metropolitana, carrelli della spesa ecc.).

In ogni caso evitare di portare le mani a contatto con occhi, naso e bocca qualora non siano prima state lavate, così da evitare il rischio di un facile accesso del virus all’interno dell’organismo. Quando è necessario coprirsi la bocca al momento di starnutire o tossire è meglio utilizzare un fazzoletto di carta, da gettare dopo l’utilizzo.

In assenza di altre persone nelle vicinanze le autorità sanitarie consigliano di starnutire o tossire senza coprirsi, riducendo così il rischio di fungere da vettore infettando le superfici pubbliche con cui si verrà a contatto.

La cura degli ambienti passerà per un regolare ricambio dell’aria, si eviterà in questo modo il “ristagno” di eventuali virus presenti, e per un microclima caldo, ma non secco. Da evitare con cura gli sbalzi di temperatura (alternanze troppo rapide caldo/freddo).

Una vera e propria regola d’oro è quella di seguire un’alimentazione sana ricca di frutta e verdura. Soprattutto nei mesi freddi è bene scegliere prodotti che contengono elevate quantità di vitamina C, che stimolerà le difese dell’organismo.

=> Scopri gli alimenti ricchi di vitamina C

Due ottimi rimedi naturali sono il tè bianco e il tè Pu-Erh. Entrambi agiscono stimolando il sistema immunitario e garantiscono al contempo una piacevole sensazione di calore. Sempre in tema di infusi si ricordano le proprietà balsamiche e benefiche per le vie respiratorie di eucalipto e timo, mentre per i dolori articolari si consiglia una tè allo zenzero.

Un ruolo di primo piano nel combattere i sintomi influenzali lo recita il miele, soprattutto se di Manuka o di Melata. Lasciare sciogliere un cucchiaino in bocca fornirà rapido sollievo alla gola irritata e contribuirà in seguito a ridurre la carica virale.

Può essere inoltre aggiunto al tè come dolcificante o sciolto in un bicchiere di latte caldo: ulteriore possibile ingrediente sarà uno spicchio d’aglio pestato, per un’azione antivirale ancora più efficace.

29 settembre 2016
I vostri commenti
Antonella, domenica 2 ottobre 2016 alle17:54 ha scritto: rispondi »

Bellissimi e graditissimi consigli, a cui vorrei aggiungere anche l'effetto benefico del binomio miele-curcuma per prevenire le forme complicate. Grazie

Lascia un commento