Torna la paura dell’influenza aviaria a Milano, e Hong Kong lancia l’allarme per fermare l’importazione di uova e pollo. A dare l’allarme è stata l’agenzia Nuova Cina, che ha spiegato come l’autorità per la sicurezza alimentare di Hong Kong abbia deciso di bloccare l’importazione di uova e pollo da Milano per alcuni casi di influenza aviaria registrati negli ultimi giorni.

Negli ultimi nove mesi del resto la Cina ha importato 1300 tonnellate di carne e 12 mila uova dall’Italia e il Cfs ha chiesto alle autorità italiane e all’Organizzazione Mondiale per la Salute degli Animali, OIE, delle spiegazioni in merito all’epidemia.

=> Leggi le novità su uova al Fipronil e rischi per l’approvvigionamento

L’Ats Lombarda, dal canto suo mantiene la calma, in quanto l’ultima comunicazione da Hong Kong risale a settembre per un focolaio nel Lodigiano. Eppure alcuni giorni fa la paura per l’influenza aviaria era tornata a farsi sentire a Cernusco sul Naviglio, dove era stato ritrovato il virus in un piccolo allevamento dell’entroterra.

=> Scopri sintomi e cosa fare in caso di intossicazione da funghi

In merito il dipartimento veterinario era immediatamente intervenuto ordinando l’abbattimento degli animali, che quindi non sarebbero stati venduti evitando ogni tipo di pericolo di contagio.

Resta però il dubbio visto che l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni Fava ha dichiarato che la situazione aviaria a Milano è sotto controllo, ma la situazione è critica da diversi mesi anche in Veneto e in Emilia Romagna. D’altro canto, Fava, ha anche dichiarato che il blocco di Hong Kong non deve stupire o spaventare perchè riguarda una routine dovuta ai protocolli internazionali di sicurezza alimentare.

31 ottobre 2017
Lascia un commento