Arrivato in Italia il periodo di picco dell’influenza. Stando ai dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) i casi attualmente stimati nel Paese sono circa 154 mila, mentre quelli registrati a partire dall’avvio del servizio di sorvegliana InfluNet superano il milione (1.088.000).

I dati relativi all’arrivo del picco influenzale fanno riferimenti ai casi segnalati dai 777 medici “sentinella” nella settimana tra l’11 e il 17 gennaio 2016. Come viene indicato nel rapporto:

Nella seconda settimana del 2016 sebbene lentamente, la curva epidemica delle sindromi influenzali comincia a salire. È stata superata la soglia che decreta l’inizio del periodo epidemico.

Secondo gli esperti dell’ISS però, malgrado il superamento della soglia stabilita stabilisca di fatto l’avvio del periodo di picco, i casi registrati finora sono ancora ridotti se confrontati con gli anni precedenti. Complici anche le temperature miti delle scorse settimane, che potrebbero aver rimandato fino ad ora l’arrivo dell’ondata di infuenza.

In base a quanto diffuso i più colpiti sono i bambini fino a 4 anni (5,9 casi ogni mille assistiti), seguiti da quelli compresi tra 5 e 14 anni (3,43). Tra le Regioni prezzo più alto pagato da Trentino Alto Adige, Marche e Lazio.

I migliori rimedi naturali in caso di influenza sono quelli che permettono di stimolare il sistema immunitario favorendo una più rapida guarigione. Tra questi troviamo il tè Pu-Erh, l’aglio, la cannella, la rodiola e l’eleuterococco, ma anche alimenti della salute come gli spinaci, i broccoli, lo yogurt e i funghi.

Nel trattamento specifico di sintomi influenzali come mal di gola e tosse possono essere utilizzati miele di Manuka o di eucalipto: se il primo può vantare proprietà curative riconosciute da appositi studi scientifici, il secondo offre un’azione balsamica utile per liberare le vie respiratorie.

22 gennaio 2016
Fonte:
Lascia un commento