Influenza: 5 milioni di italiani a rischio, già 120 mila i malati

Con i primi freddi torna ad affiacciarsi l’influenza. Il più proverbiale “malessere di stagione” ha approfittato del primo deciso calo di temperatura dell’autunno per costringere a letto già 120 mila italiani. Ben più grave il bilancio stagionale, seppure inferiore all’annata record registrata a cavallo tra 2017 e 2018, che si preannuncia intorno ai 5 milioni di malati totali.

Secondo alcuni esperti i malati attuali sarebbero rimasti colpiti in realtà da una sorta di “simil-influenza“, portata da uno dei 262 virus in grado di scatenare buona parte di quelli che sono i sintomi tipici dell’influenza vera e propria (mal di testa, febbre, dolori muscolari e articolari, spossatezza e nei casi più gravi anche disturbi gastrointestinali e digestivi).

=> Leggi quali sono sintomi e metodi di contagio dell’influenza

Soprattutto in queste prime settimane d’Autunno il nemico numero uno secondo gli esperti è il freddo improvviso, che se sottovalutato potrebbe indebolire l’organismo esponendolo all’attacco virale. Meglio quindi non prendere alla leggera questi primi cali di temperatura e coprirsi lo stretto necessario, evitando quindi anche di cedere alla tentazione di esagerare in direzione opposta.

=> Scopri le 9 tisane da consumare per combattere l’influenza

Ricordiamo inoltre che è sconsigliato l’utilizzo di antibiotici in caso di influenza o sindrome parainfluenzale, una tentazione a cui cede circa il 20% dei malati, ma che si rivela inutile se non dannosa. L’aggressione influenzale è di tipo virale e non è contrastata quindi dagli antibiotici, che al contrario otterranno come unico effetto quello di indebolire l’organismo esponendolo a conseguenze peggiori.

Meglio ricorrere a soluzioni naturali come ad esempio una tisana a base di limone, zenzero e cannella. Magari con l’aggiunta, una volta che la temperatura dell’infuso sia scesa sotto i 50 gradi, di un cucchiaino di miele di Manuka o di un più economico, ma comunque valido, miele di Melata. Bene ricordarsi anche di tenere alte le difese immunitarie, via libera quindi ad arance, kiwi, broccoli, crescione e tutta la frutta/verdura ricca di vitamina C.

27 settembre 2018
Lascia un commento