Influenza 2018: come prevenirla con la dieta antigelo

Il picco dell’influenza 2018 in Italia sembra ormai in arrivo. A quanto indicato dagli esperti il massimo livello di contagio è atteso per metà gennaio. Ciò rende più che mai urgente il prepararsi per tempo potenziando le proprie difese immunitarie e prendendo tutti gli accorgimenti del caso. Tra questi anche la dieta, che fornirà vitamine e sali minerali utili per difendersi e restare in forma. A proporre una particolare soluzione “antigelo” è Coldiretti.

=> Leggi cause e rimedi in caso di influenza senza febbre

Dieta antigelo di Coldiretti contro l’influenza che prende il via da un deciso aumento di calorie, da scegliere però con cura e senza ricorrere al cibo spazzatura. Si parte a colazione, con il consumo di latte, miele o marmellata, mentre a pranzo e cena sarà utile portare nel piatto zuppe, verdure, legumi e frutta, ricche di quegli elementi (vitamine e sali minerali) indispenabili per rafforzare il sistema immunitario e aiutarlo a difendersi dal freddo gelido. Miele, aglio, ma anche uova, yogurt e formaggi ricchi di probiotici sono tra gli alimenti da inserire nella propria dieta anti-influenza 2018.

=> Scopri come prevenire il contagio dell’influenza

Entrando nello specifico nel tema verdure, Coldiretti consiglia quelle di stagione e in particolare i vegetali ricchi di vitamina A come spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote e broccoletti, ma anche cipolle e il già citato aglio (possibilmente crudi). Importante secondo l’associazione dei coltivatori anche l’apporto dei legumi (ad esempio fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave secche) in virtù del loro contenuto di ferro e fibre. Una nota particolare Coldiretti la dedica infine alla frutta, che con il suo contenuto di vitamina C recita un ruolo di primo piano nel contrastare i malanni di stagione:

Di grande importanza per il grande contenuto di vitamina C, è il consumo di frutta di stagione come i kiwi, clementine e arance rigorosamente italiane per evitare che i trasporti ne riducano il contenuto vitaminico.

8 gennaio 2018
I vostri commenti
nicola, lunedì 8 gennaio 2018 alle17:07 ha scritto: rispondi »

Sarebbe giusto citare l'ortica che e' ricca di molta vtamina "C"?

Lascia un commento