Lo sviluppo sostenibile passa anche, e soprattutto, dai percorsi di riforestazione. È il piano sostenuto dal governo indiano, con la recente decisione di investire ben 6,2 miliardi di dollari per la salvaguardia di boschi e aree verdi, con opere di rimboschimento. Il progetto ha già ottenuto l’approvazione dalla prima camera del parlamento locale ed è ora in attesa dell’approvazione definitiva. L’obiettivo è quello di esterne l’attuale 21% della nazione ricoperto dalle foreste fino al 33% nei prossimi anni.

L’iniziativa in India è certamente importante poiché, essendo la nazione una delle economie mondiali a più rapida crescita, è anche uno dei maggiori produttori di anidride carbonica e gas serra sul globo. Per questo motivo, la riforestazione si configura come una strategia vincente, affinché si riducano dal 33 al 35% le emissioni di CO2 in atmosfera entro il 2030. Così ha commentato Prakash Javadekar, il primo ministro indiano:

Sono sicuro che questi fondi spingeranno enormemente il movimento di riforestazione. Le copertura delle nostre foreste crescerà drammaticamente e permetterà di raggiungere il nostro obiettivo del 33% di aree ricoperte. E, fatto più importante, di compensare le emissioni di anidride carbonica di 2,5 miliardi di tonnellate.

Rimangono tuttavia ancora molti nodi da sciogliere. Innanzitutto, non è stato spiegato il meccanismo che verificherà l’effettiva assegnazione dei fondi, per evitare problemi relativi all’illegalità. Inoltre, non sarebbero state ancora identificate le aree dove verranno piantati nuovi alberi, né lo schema di biodiversità che il governo avrà intenzione di seguire. Non resta, perciò, che attendere l’approvazione finale dal parlamento.

9 maggio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
ercole, martedì 10 maggio 2016 alle11:25 ha scritto: rispondi »

QUESTA E UNA NOTIZIA STUPENDA. SPERIAMO CHE TUTTE LE NAZIONI ADOTTINO QUESTA IDEA E CHE SI VADA AD UN RIPRISTINO IN BREVE TEMPO DI RIFORESTAZIONE, PER IL BENESSERE DI TUTTI GLI ESSERI VIVENTI...

Lascia un commento