L’insonnia è una delle principali cause degli incidenti e dei decessi sulle strade: uno studio condotto dall’American Academy of Sleep Medicine dimostra quanto questo sia vero. I risultati sottolineano l’importanza del dormire in maniera sana e regolare, non solo per la nostra salute, ma anche per quella degli altri.

“Sleep Well, Well Be” è la campagna di sensibilizzazione del National Healthy Sleep Awareness Project, un progetto che ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dell’importanza del sonno come uno dei tre pilastri che compongono uno stile di vita sano.

Lo studio ha coinvolto una popolazione da 54.399 uomini e donne tra i 20 e 89 anni di età, seguendoli per 13 anni: durante il periodo di osservazione ci sono stati 277 infortuni mortali non intenzionali, tra cui 169 morti per cadute e 57 morti per incidenti automobilistici.

I ricercatori hanno individuato tre sintomi tipici dell’insonnia: secondo i dati i soggetti con tutti e tre i sintomi hanno 2,8 probabilità in più di morire da un infortunio fatale rispetto a quelli che non presentavano alcun sintomo. Tra i tre sintomi dell’insonnia, la difficoltà ad addormentarsi sembrava avere la più forte associazione con le lesioni mortali. Timothy Morgenthaler, portavoce nazionale del progetto, ha detto:

Un sonno sano e regolare è essenziale per la salute fisica, per il benessere mentale, e per la sicurezza personale e pubblica. È una necessità e non un lusso: per cui la promozione di sonno sano dovrebbe essere una priorità fondamentale della salute pubblica.

Per combattere l’insonnia esistono diversi rimedi naturali e accorgimenti da utilizzare nella vita quotidiana: dagli orari regolari ai pasti equilibrati, dalle erbe medicinali alle abitudini rispetto all’attività fisica.

Fare dei pasti leggeri è sicuramente la prima regola, se non si vuole soffrire di insonnia: evitare dunque cibi troppo grassi o salati per cena, tè, caffè o altre bevande eccitanti. Esistono anche una serie di rimedi naturali per aiutarvi a prendere sonno: oltre alla classica camomilla si possono fare tisane di valeriana, papavero, camomilla, biancospino, passiflora, melissa, tiglio e iperico.

Anche alcuni alimenti che si trovano nei comuni supermercati possono aiutare: il consumo di pesce, ad esempio, è spesso correlato con un riposo efficace grazie al contenuto naturale di Omega-3.

Anche il riso è un rimedio naturale importante: secondo una ricerca influenza il triptofano, una proteina responsabile dell’incremento dei livelli di serotonina nel sangue. La sua produzione migliorerebbe il benessere psicologico degli individui e favorirebbe un sonno migliore.

Infine, non bisogna dimenticare l’importanza dell’esercizio fisico per riuscire a rilassarsi e prendere sonno facilmente: sono molte le tecniche Yoga che aiutano in questo senso, dall’Hatha per la postura al Kundalini per l’energia, passando per tantissime altre tecniche di respirazione e rilassamento.

4 novembre 2014
Fonte:
I vostri commenti
vittorina, martedì 4 novembre 2014 alle14:48 ha scritto: rispondi »

tutto ok

Lascia un commento