È di pochi minuti fa la notizia dell’ennesimo incidente nucleare in Europa. Al confine tra Francia e Germania (e a circa 240 km dall’italia) sarebbe scoppiato un incendio all’interno della centrale nucleare di Fessenheim, l’impianto più vecchio del paese. Dotata di due reattori da 800 MW ciascuno, questa centrale è in attività dal 1977 e verrà spenta nel 2021.

Non è ancora chiaro in quale parte dell’impianto sia nato l’incendio, ma i pompieri affermano che ci sono dei feriti e che le operazioni di spegnimento sono ancora in corso. EDF, invece, afferma che l’incidente è stato già risolto e che non c’è stato incendio ma solo una fuoriuscita di vapore che ha fatto scattare l’allarme e la chiamata ai vigili del fuoco.

Nell’ultimo anno in Europa gli incidenti all’interno degli impianti nucleari sono stati numerosi: il 12 settembre 2011 è scoppiata una fornace alla centrale francese di Marcoule, a 250 km da Torino; il 6 ottobre dello stesso anno c’è stata una contaminazione nucleare nella centrale belga di Dessel; undici giorni dopo è scoppiato il fuoco nella sala turbine della centrale nucleare di Oskarshamn, in Svezia; un mese dopo c’è stata la nube di iodio 131 in Ungheria, proveniente dall’Institute of Isotopes di Budapest; un altro istituto nucleare, ma a Mosca, è stato coinvolto in un incidente a febbraio 2012.

5 settembre 2012
I vostri commenti
Corsi, giovedì 6 settembre 2012 alle0:14 ha scritto: rispondi »

perchè l'uomo è tanto furbo da adoperare il materiale più pericoloso esistente e non contento lo manipola per renderlo ancora più pericoloso? ci sono forse persone immuni? c'è da vergognarsi a essere umani.

Annamariamoscarelli, mercoledì 5 settembre 2012 alle21:55 ha scritto: rispondi »

AHI!AHI!

Stefano De Pietro, mercoledì 5 settembre 2012 alle19:26 ha scritto: rispondi »

Il famoso nucleare sicuro ..

Lascia un commento