Come già anticipato alcuni mesi fa, sembra che la strada verso gli incentivi da erogare a chi acquista un’auto elettrica sia sempre più praticabile e sicura. Infatti, è notizia di oggi l’adozione di un testo base da parte delle commissioni Trasporti e Attività produttive della Camera che potrebbe dare il via allo stanziamento dei contributi per il 2012.

Il testo, che sarà al vaglio del Parlamento dopo la pausa dei lavori prevista per il periodo estivo, prevede l’erogazione di incentivi fino a 5.000 euro per l’acquisto di un’auto elettrica e potrebbe avere quindi un impatto più che notevole nel favorire la diffusione di questo tipo di veicoli, soprattutto in tempi di crisi in cui il prezzo d’acquisto di un’autovettura incide sensibilmente sulle decisioni dei clienti.

La copertura finanziaria per questa tornata di incentivi sarebbe garantita dalla tassazione di 1 centesimo e mezzo prevista sulle bottiglie di plastica, ma i dettagli vanno ancora definiti e soprattutto potrebbero esserci delle sostanziali differenze tra il testo preliminare che passerà al vaglio del Parlamento e l’eventuale testo finale che, se tutto andrà secondo il previsto, trasformerà in legge la proposta.

Con questa apertura il Governo sembra quindi aver accolto le richieste di incentivi che più volte, anche in un recente passato, erano giunte dagli addetti ai lavori, ben consapevoli che le indiscusse qualità e i vantaggi dal punto di vista ecologico ed economico di queste vetture possono essere penalizzati da un prezzo d’acquisto mediamente più alto rispetto ai modelli a benzina e diesel, vanificando di fatto la loro convenienza e rendendo difficile una loro diffusione sul mercato.

27 luglio 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento