Incentivi fotovoltaico: Passera forse disponibile a modificare decreti

Corrado Passera, ministro dello Sviluppo Economico al centro delle critiche di numerose associazioni attive nelle rinnovabili per le sue recenti uscite sugli eccessivi incentivi al fotovoltaico, sembra essere tornato a più miti consigli.

O, almeno, a una comunicazione meno aggressiva nei confronti delle rinnovabili. A margine di un’audizione alla Camera, ieri, il ministro Corrado Passera ha provato a rassicurare gli operatori del fotovoltaico, attualmente terrorizzati dalla prospettiva di un ulteriore cambiamento:

Il fotovoltaico continuerà, certo ha avuto grandissimo sviluppo, ci deve essere spazio anche per altre fonti rinnovabili.

Ma ha anche ribadito che i nuovi decreti sugli incentivi arriveranno prestissimo, confermando quanto aveva già annunciato. In audizione, invece, si era lasciato andare a una lode nei confronti dell’energia verde:

Credo molto a questo settore, continuiamo a essere tra i primi in Europa per la quota di elettricità fatta con le rinnovabili.

Per la precisione la quota dell’energia elettrica prodotta dalle rinnovabili ha sfiorato il 25% nel 2011, dati ufficiali del GSE. L’incertezza sugli incentivi, però, resta tutta e le associazioni sono ancora sul chi va là e si preparano a scendere in piazza per manifestare.

A questo punto è lecito aspettarsi, per l’inizio della prossima settimana, che sui nuovi incentivi per le rinnovabili si vada al sodo con i decreti ufficiali. Attualmente si hanno solo una bozza non ufficiale del Quinto Conto Energia, che in molti ritengono sia stata scritta direttamente da ENEL, e una sulle rinnovabili elettriche fotovoltaico escluso.

6 aprile 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
toni, martedì 10 aprile 2012 alle13:20 ha scritto: rispondi »

Incredibile,sembra di assistere ad un teatrino!Prima questo ministro si lascia andare a dichiarazioni che  demoliscono il Conto Energia,poi tesse sperticate lodi delle energie rinnovabili! E' questa la serietà e la competenza dei nostri ministri tecnici?E dove sono i nostri politici,che hanno partorito questo mostro?

Lascia un commento