Per la filiera italiana del biogas questo è un momento fertile. Il Governo ha infatti iniziato a riconoscere il valore dei biocarburanti, promettendo un sistema di incentivazione forte e stabile agli operatori del settore.

Delle potenzialità del biometano in Italia si è parlato nei giorni scorsi nell’ambito del Forum sul compostaggio e il biogas, promosso dal Consorzio Italiano Compostatori (CIC). Il meeting, giunto quest’anno alla sua sesta edizione, ha visto riuniti a Milano tutti gli attori del comparto.

Argomento principale dell’incontro sono state le nuove linee guida sugli incentivi al biometano, attese per il prossimo 31 ottobre. Il GSE, il Gestore dei Servizi Energetici, ha già reso noto che verranno introdotte due novità rispetto alla normativa prevista dalla Legge 116/2014 in materia di Competitività.

La prima è che l’autorizzazione da parte delle Regioni subirà una semplificazione. La seconda riguarda le direttive che regolano la connessione degli impianti di produzione di biometano alla rete di distribuzione. Gli operatori del CIC sono più che soddisfatti dall’attenzione rivolta dal Governo al comparto:

Questa nuova fonte di energia ha trovato pieno riconoscimento anche in Italia, con un decreto ministeriale che ne incentiva la produzione a seconda dell’utilizzo: immesso in rete, usato per la cogenerazione o commercializzato per il settore trasporti. In quest’ultimo caso il decreto offre incentivi maggiori qualora il biometano derivi da specifiche matrici come, ad esempio, la parte organica dei rifiuti urbani.

Il CIC ha parlato dei nuovi progetti di ricerca sul biometano: dal motore bicilindrico in progettazione alla Fiat alle nuove tecnologie in grado di produrre biogas dagli scarti biodegradabili, a cui lavorano Acea Pinerolese, Environment Park e Hysytech.

Secondo il Consorzio bisogna però risolvere alcuni punti critici per ridurre i costi della filiera. Primo tra tutti migliorare il livello di purezza della raccolta differenziata. Per separare la plastica smaltita impropriamente nell’umido oggi infatti si spendono ogni anno circa 12 milioni di euro.

14 ottobre 2014
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento