Sono finalmente fruibili gli incentivi auto 2011 per la conversione a metano e GPL di vetture a benzina. Il ritardo è dovuto principalmente alla decisione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico di prorogare la data di inizio normalmente utilizzata (1° gennaio), in modo da poter mettere a disposizione dei cittadini un contributo governativo maggiore.

La principale differenza rispetto al passato riguarda coloro che potranno usufruire degli incentivi. Come indicato dal regolamento, non saranno utilizzabili per l’acquisto di nuove vetture a doppia alimentazione ma esclusivamente per tutte le modifiche da apportare ai mezzi già in circolazione.

La procedura prevede una più stretta collaborazione tra il Consorzio Ecogas e gli operatori di GPL e risulta molto più semplice rispetto al passato. Gli incentivi potranno infatti essere richiesti collegandosi direttamente al sito Internet del Consorzio Ecogas o recandosi presso le autofficine autorizzate che hanno aderito al nuovo regime.

Ad usufruire dell’incentivo denominato MSE 2011 saranno le categorie di veicoli M1 (trasporto di persone fino ad un massimo di 8 passeggeri oltre al conducente) e tutti i mezzi N1 (trasporto merci con massa non superiore a 3,5 tonnellate). Il criterio di assegnazione delle agevolazioni sarà semplicemente cronologico, cioè terrà conto solo del momento in cui è stata fatta la richiesta, e sarà comunque subordinato a un attento esame della domanda da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.

Il pacchetto economico prevede un totale di 24.811.266 euro, pari a circa 50.000 operazioni, e delle agevolazioni pari a 500 euro nel caso di installazione di un sistema GPL e a 650 euro per le auto a metano.

9 marzo 2011
Lascia un commento