Arriva nella giornata di oggi, direttamente dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato della Repubblica, la conferma che proseguiranno anche per tutto il 2017 gli incentivi per l’acquisto di case in classe A e B. L’Italia ha scelto dunque di continuare a sostenere un tipo di edilizia che punta a un tasso elevato di efficienza energetica, in un’ottica lungimirante, approvando un emendamento al disegno di legge Milleproroghe, proprio in questi giorni oggetto di discussione in aula.

=> Leggi come richiedere gli incentivi fiscali per la domotica

Il testo fa riferimento a una detrazione IRPEF del 50% sull’IVA versata nel momento in cui si comprano abitazioni, nuove oppure ristrutturate, direttamente dall’azienda del costruttore. Si tratta di una misura, va ricordato, introdotta in un primo momento con la legge di stabilità del 2016 (208/2015) e poi giunta a naturale scadenza il 31 dicembre dello scorso anno.

=> Proposta estensione a rimozione amianto per ecobonus condomini, leggi di più

Una proroga che arriva in un momento delicato, che vede l’opinione pubblica, gli addetti ai lavori e il mondo della politica confrontarsi con sempre maggiore intensità su temi quali la sostenibilità energetica, le strategie messe in campo al fine di arginare le emissioni inquinanti nell’ambiente e la riqualificazione degli edifici più vecchi per tagliare gli sprechi.

Gabriele Buia, presidente dell’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), esprime la propria soddisfazione per quanto deciso a Palazzo Madama:

La proroga a tutto il 2017 della riduzione al 50% dell’IVA per l’acquisto di case ad alta efficienza energetica è un importante segnale di attenzione che va nella direzione di promuovere una politica delle costruzioni orientata al rinnovo urbano con edifici di qualità.

L’obiettivo conseguito è duplice: da un lato permette di favorire la scelta di abitazioni che sappiano risultare nel lungo periodo maggiormente rispettose della bolletta energetica nazionale, dall’altro va a incentivare l’acquisto di case “amiche dell’ambiente”, attraverso un’agevolazione economica significativa, attuata in un periodo in cui l’accesso al credito per l’acquisto degli immobili non è sempre cosa semplice.

16 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento