Incendi in USA: gatto non si separa dal suo salvatore

È una storia di incredibile riconoscenza, quella che vede per protagonisti un gatto e il suo salvatore, un vigile del fuoco statunitense. La vicenda è accaduta in questi giorni, durante i terribili incendi che hanno colpito la California: un felino circondato dalle fiamme è stato salvato da un pompiere e, da quel momento, l’animale non si è voluto più separare dall’uomo.

Il vigile del fuoco in questione è Ryan Coleman, in servizio presso il Dipartimento dei Vigili del Fuoco della Fairview Valley, una delle aree colpite dai recenti incendi. L’uomo, impegnato da giorni nello spegnimento dei roghi e nel salvataggio delle persone e degli animali, ha rinvenuto un gatto intrappolato in un’abitazione avvolta dalle fiamme, portandolo immediatamente in salvo. Immediatamente soccorso presso Paradise, uno dei centri più colpiti dal dramma delle fiamme degli ultimi giorni, pare che i legittimi proprietari del quadrupede non siano stati ancora identificati.

=> Scopri i danni degli incendi in California


Un gesto che il felino ha voluto premiare con incredibile riconoscenza, considerando come non voglia più separarsi dal vigile del fuoco: rimane sempre al suo fianco, strusciandosi e lanciandosi in continue fusa, e ogni tanto si concede anche una piccola passeggiata sulle spalle del suo amico umano.

Il pompiere ha condiviso su Facebook alcune immagini e dei video dell’adorabile felino, tanto che questi materiali sono immediatamente divenuti virali in tutto il mondo, collezionando commenti entusiastici e l’apprezzamento dei navigatori.

=> Scopri il cavallo che si è salvato dagli incendi in California


I roghi che hanno coinvolto la California hanno devastato numerosi patrimoni naturali, distrutto case e messo in serio pericolo gli animali, sia domestici che selvatici. Molti di questi ultimi hanno purtroppo perso la vita, mentre di recente è balzata agli onori della cronaca la storia di un coraggioso cavallo: l’equino si è tuffato in una piscina per sfuggire alle fiamme, aspettando poi pazientemente per ore l’arrivo di qualcuno pronto a soccorrerlo.

22 novembre 2018
Fonte:
Lascia un commento