La chiamano “La Venezia della Savoia” e il motivo è chiaro. Annecy, attraversata dal fiume Thiou, con tutti i suoi ponti che congiungono le varie zone della città è oggettivamente molto simile alla città lagunare.

=> Scopri Giethoorn, paese senza inquinamento, auto e strade

Situata nel cuore delle Alpi, nella regione del Rodano, Annecy sembra vivere in una dimensione fuori dal tempo e dallo spazio. Tutta la città sembra ferma all’epoca medioevale ed esempio concreto è il Palais de l’Ile, realizzato nel 1132 la cui conformazione sembra una prua di una nave che sta per prendere il largo.

Se vi trovate quindi in vacanza qui dimenticate l’auto e gettatevi a capofitto in una vacanza green e sostenibile. Annecy va girata a piedi a cominciare appunto dal Palais, monumento storico francese, che ospita il museo di Etnografia e di Arte Popolare e l’ufficio museo dei laghi alpini.

=> Scopri Portogruaro, la città delle gru e dei portici

Una prima tappa nella storia e nella cultura che si completa con una visita a quelli che furono gli appartamenti dello scrittore e filosofo svizzero Jean Jacques Russeau nel XVIII secolo collocati nel punto più alto del Palais. Da qui potete proseguire la visita a Annecy in barca lungo il fiume per ammirare la città da un’altra prospettiva, oppure rilassarvi lungo le sponde del lago omonimo a pochi chilometri dal centro città. Vi sentirete come dei pittori in vacanza in cerca di ispirazione mentre vi fate cullare dalle acque in un’escursione emozionante nella Venezia dei Savoia.

Per continuare il tour poi dovete assolutamente ammirare le vetrate e i rosoni della Cathedrale Saint Pierre, la Basilica de la Visitation risalente al 1900 e, salendo sulla cima della costruzione, potete anche godere di una vista unica su tutta la città. In ultimo, per fare un tuffo nello stile gotico e medioevale che si respira ad Annecy non può mancare una visita alla chiesa Notre Dame De Liesse.

7 giugno 2017
Immagini:
Lascia un commento