Nei prossimi anni l’Europa sarà chiamata ad aumentare la fetta di energie rinnovabili al 27% per raggiungere gli obiettivi fissati in sede comunitaria. Le fonti pulite dovranno entrare a far parte di ogni aspetto della vita produttiva dei Paesi europei, dall’industria all’agricoltura.

Per agevolare la transizione verso le fonti rinnovabili occorre ideare sin da subito nuove tecnologie capaci di sfruttare in modo efficiente l’energia pulita. Su questo fronte segnaliamo il primo sistema di illuminazione pubblica eolico e solare, frutto del lavoro di ricerca di un’équipe di studenti della UPC, l’Universitat Politècnica de Catalunya.

L’ideatore del singolare impianto è Ramon Bargalló, ricercatore presso il dipartimento di ingegneria elettrica dell’ateneo spagnolo. Bargalló, grazie alla partnership siglata con la compagnia Eolgreen, ha creato un sistema unico al mondo che rivoluzionerà l’illuminazione pubblica garantendo un abbattimento dei costi e delle emissioni notevole. Rispetto agli impianti tradizionali che illuminano le nostre strade i consumi saranno del 20% inferiori.

Il prototipo, frutto di 4 anni di ricerca, è alto 10 metri ed è dotato di una batteria, di un pannello fotovoltaico e di una mini turbina eolica. La velocità raggiunta dalla turbina va dai 10 ai 200 giri al minuto in base alla forza del vento e ha una potenza massima di 400 watt.

Nei prossimi mesi gli sviluppatori cercheranno di produrre una turbina capace di funzionare a una velocità inferiore, compresa tra i 10 e i 60 giri al minuto, con una potenza di 100 W. In questo modo l’impianto potrà essere alimentato anche in presenza di venti deboli. Riuscirà inoltre a funzionare in assenza di vento e sole, grazie all’energia accumulata, fino a un massimo di 6 notti consecutive.

Il sistema di illuminazione solare-eolico è dotato di un pannello di controllo elettronico che gestisce il flusso di energia, trasmettendo elettricità pulita dal pannello solare e dalla turbina eolica alla batteria e alla luce.

Già quest’anno partirà la produzione su scala industriale, con la realizzazione di 700 impianti. Il porto di Huelva, le cittadine di Sant Boi de Llobregat e Girona e diverse altre città dell’Andalusia testeranno il sistema di illuminazione nelle strade e nei parchi pubblici cittadini.

21 gennaio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento