Dopo pochi mesi di attività il supercomputer italiano Cresco (Centro computazionale di Ricerca sui Sistemi Complessi) è in grado già di fornire alcuni importanti risultati utili per gli sviluppi della ricerca sulla tecnologia energetica alternativa.

Inaugurato il 6 maggio 2008 presso il Centro Ricerche Enea di Portici, questo potente calcolatore è stato inserito nella classifica dei Top500 Supercomputer Sites guadagnando il plauso del prof. Jack Dongarra dell’Università del Tennessee, uno dei maggiori esperti in ambito supercomputing.

Insieme a potenza e velocità Cresco unisce ottimizzazione degli spazi fisici e elevata efficienza energetica, assicurate dalle architetture IBM Blade e dai processori Intel Xeon Quad-Core.

Per mezzo delle sue enormi capacità di calcolo, i ricercatori italiani hanno potuto elaborare modellizzazioni numeriche dei processi di combustione di diversi materiali che non era possibile realizzare in passato.

Infine, sono stati creati e applicati strumenti di modelling e simulazione per indagare l’evoluzione del clima nell’area mediterranea su un arco temporale di 40 anni e verificare, in un’ottica “predittiva”, i futuri scenari di questa zona geografica.

21 novembre 2008
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Carlo Mamone Capria, martedì 3 febbraio 2009 alle19:41 ha scritto: rispondi »

L'efficienza energetica dei propulsori è, da tempo, uno degli obiettivi del CIRA. Inoltre, il Centro è fortemente coinvolto nello studio delle problematiche ambientali sia per quanto riguarda la salvaguardia che il monitoraggio delle condizioni. Considero estremamente importante questa partecipazione del Centro ENEA di Portici nel Progetto CRESCO e sono sicuro che ci saranno notevoli contributi da parte di tutto il gruppo di ricercatori impegnati su queste problematiche.

Lascia un commento