Santuario dei bradipi, si chiama così il luogo di ricovero e riabilitazione creato a Limon in Costa Rica dedicato alla salute dei piccoli animaletti dalle braccia lunghe. La missione principale è quella di accudire, nutrire e crescere i cuccioli rimasti orfani. Ma anche quella di curare e proteggere tutti quegli esemplari adulti impossibilitati ad un rientro in natura.

La naturale predisposizione alla lentezza rende questi animali molto pacifici e dolci, per nulla aggressivi sono piccoli esseri dall’animo delicato. Al contempo questa propensione rende i bradipi vulnerabili agli attacchi dei predatori, e alle difficoltà che un ecosistema modificato dall’eccessiva cementificazione può provocare.

Non è inusuale che una madre abbandoni momentaneamente i cuccioli alla ricerca del cibo, ma l’attraversamento delle strade anche se periferiche la pone in costante pericolo. La sua camminata lenta la espone al pericolo delle macchine e dell’uomo. Per questo motivo nel 1997 Judy e Luis Arroyo hanno fondato questo luogo, mossi dalla passione verso questi teneri amici sovvenzionando il centro attraverso offerte, adozioni a distanza e guide didattiche.

Un canale video a loro dedicato mostra il lavoro del team e la vita di piccoli 100 ospiti: le attività quotidiane, l’alimentazione, la salute e l’atteggiamento soave con il quale affrontano il mondo. Ogni storia viene seguita con passione da un numero sempre più crescente di fan, innamorati della dolcezza degli bradipi.

L’obbiettivo è quello di creare un polo internazionale organizzato come una vera clinica medica e veterinaria. Un lavoro importante che garantisca il recupero e il reinserimento di buona parte degli ospiti.

21 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Roby, martedì 16 luglio 2013 alle7:54 ha scritto: rispondi »

Non di rado mi chiedo se abbia un senso lottare per preservare la natura, quando contemporaneamente l'impegno totale per distruggerla. Viva l'estinzione umana, unico problema vero sulla terra!

Lascia un commento