Il Quinto Conto Energia potrebbe avere una vita estremamente breve, forse non più lunga di qualche settimana. È questa l’ennesima preoccupazione con cui fanno i conti gli operatori del settore fotovoltaico, con lo sguardo fisso da giorni al Contatore presente sul sito del GSE, che calcola in tempo reale l’ammontare della spesa annua complessiva per gli incentivi all’energia elettrica solare.

Qualche giorno fa, il Contatore ha infatti raggiunto la soglia dei 6 miliardi di euro, facendo scattare il conto alla rovescia di 45 giorni per l’entrata in vigore del nuovo Conto Energia, prevista per il 27 agosto. Il rischio, però, è che la “corsa alle installazioni” scatenatasi in queste settimane per agguantare all’ultimo momento le tariffe più generose del Quarto Conto finisca col far esaurire in un batter d’occhio le risorse a disposizione.

Il DM 5 luglio 2012, infatti, prevede che il Quinto Conto Energia si esaurisca 30 giorni dopo il raggiungimento del tetto di spesa di 6,7 miliardi di euro. Una cifra che secondo alcuni analisti sarebbe in realtà già molto vicina. Attualmente, infatti, il Contatore GSE segna una spesa complessiva di 6,07 miliardi, che potrebbe corrispondere a un volume reale di 6,1 miliardi di euro: in pratica, 100 milioni di euro di nuovi incentivi in meno di una settimana, pari a un incremento di 20 milioni al giorno.

Il “cap” che decreterà la fine del nuovo regime di incentivi, dunque, non è poi così lontano. Ma quanto ci vorrà perché venga effettivamente raggiunto? Su questo, le stime degli esperti non concordano: per Quotidiano Energia il tetto di spesa potrebbe essere raggiunto già intorno al 20 agosto, lasciando al Quinto Conto Energia appena un mese di sopravvivenza (dal 27 agosto al 26 settembre).

Secondo QualEnergia, invece, lo scenario non sarebbe così drammatico, perché la corsa delle installazioni è destinata a rallentare. Con un’orizzonte di questo tipo, le risorse del nuovo Conto potrebbero esaurirsi entro il prossimo anno, dopo aver contribuito all’entrata in esercizio di 3 Gigawatt di potenza fotovoltaica. In ogni caso, si tratta solo di previsioni indicative, che potranno essere smentite o confermate solo dall’andamento delle prossime settimane.

18 luglio 2012
Lascia un commento