Il verde pistacchio è un ottimo alleato per la salute degli ex fumatori. E forse anche di chi la sigaretta non l’ha ancora abbandonata. Lo svela uno studio dell’Ohio State University, con cui si evidenziano le peculiarità di questo gustoso frutto.

>>Scopri pregi e difetti delle sigarette elettroniche

I benefici della somministrazione del pistacchio sarebbero da rinvenire nelle potenzialità della vitamina E, soprattutto nella sua capacità di proteggere il sistema vascolare. I ricercatori hanno così deciso di condurre dei test a campione, per verificare quanto l’assunzione di pistacchio potesse aiutare gli ex fumatori a riprendere le loro capacità cardiocircolatorie.

Sono stati scelti 30 individui tra i 20 e i 29 anni, abituati a fumare almeno un pacchetto e mezzo di sigarette al giorno. È stato quindi chiesto loro di smettere: a metà campione è stata somministrata una dose di 500 milligrammi al giorno di gamma-tocoferolo del pistacchio, agli altri un placebo. Il gruppo sotto placebo ha recuperato il 2,8% della capacità cardiovascolare, il gruppo sotto vitamina E ben il 4,3%.

>>Scopri i danni ambientali delle sigarette

Questa percentuale è misurata in termini di capacità vasodilatatoria: chi fuma tende ad avere vene poco elastiche, il fatto che ne aumenti il grado di dilatazione è indice di un buon funzionamento dell’apparato cardiocircolatorio. Una questione da non prendere sotto gamba, perché studi di larga scala dimostrerebbero una riduzione del 13% della possibilità di sviluppare una malattia cardiaca per chi ha un buona risposta vasodilatatoria, di cui proprio il pistacchio è un uno dei più validi alleati.

Non solo pistacchio però, ma anche olio di soia, semi di zucca e arachidi: tutti alimenti ricchi di gamma-tocoferolo e, di conseguenza, di Vitamina E. In caso questa frutta non dovesse piacere, chissà che gli stessi successi non si raggiungano anche mangiando il gelato al pistacchio, uno dei gusti più amati di sempre. Magari in versione vegetariana o vegana, priva di latticini e di conseguenti prodotti a possibile impatto di colesterolo.

Foto: Close Up Of A Bowl Of Pistachio Nuts | Shutterstock

24 aprile 2013
Lascia un commento