Si è parlato qualche giorno fa di uno studio, quello dei ricercatori dell’Università di Tokyo, che ha evidenziato la capacità del gatto di comprendere e riconoscere il proprietario. Emergono oggi nuovi dettagli, in particolare sulla distinzione della voce dell’umano che da sempre è accanto al micio. Un gruppo di felini è stato sottoposto a stimolazioni di tipo vocale, senza la possibilità di visionare le persone nascoste da un pannello. Altri hanno potuto solo ascoltare le voci su nastro, quindi senza l’ausilio dell’olfatto. In entrambe le situazioni il gatto ha reagito associando la voce al proprietario.

>>Scopri come i gatti comprendono i segnali del corpo

Il movimento della testa, delle orecchie e la dilatazione delle pupille sono stati i segnali del riconoscimento da parte dei gatti. I mici hanno poi cercato di avvicinarsi alla fonte vocale, in modo da raggiungere fisicamente i proprietari. Una scoperta importante per un animale da sempre considerato restio alle interazioni e agli ordini. Il gatto, a differenza del cane, non ha seguito un percorso educativo fatto di regole e comandi. Il suo è un atteggiamento autonomo, indipendente dal volere del proprietario e che spesso non ascolta.

Ma la lunga convivenza con l’uomo ha inciso sull’atteggiamento del felino, e nonostante vi sia la necessità di non mostrare i propri sentimenti come istinto di sopravvivenza, il gatto ha imparato a interagire. E lo fa dimostrando affetto e comprensione, specialmente a fronte di molte richieste umane. Il Professore Con Slobodchikoff, della Northern Arizona University, sta studiando i vocalizzi dei cani della prateria e le loro interazioni.

L’obiettivo è quello di creare una macchina in grado di interpretare e codificare i dialoghi. Un macchinario da utilizzare anche con gli animali domestici, così da creare un dialogo diretto uomo-animale. Il decodificatore potrebbe analizzare i suoni vocali di cane e gatto, e specificare le necessità dell’animale. Una particolarità che, per il momento, è affidata all’interpretazione del proprietario data da anni di convivenza e affiatamento.

3 luglio 2013
Fonte:
Lascia un commento