Il gatto più annoverare una nutrita parentela di felini dalle grandi dimensioni, non solo forti e coraggiosi ma anche agili e scattanti. Nonostante sia piccolo al loro confronto, il micio rientra di diritto nel gruppo con il leone e il ghepardo. Eppure vi è una differenza sostanziale che lo esclude da una pratica precisa: il gatto non può ruggire. In molti non associano la caratteristica al piccolo di casa, ma in quanto rappresentante della categoria dovrebbe almeno emettere un miagolio più vibrante.

>>Leggi perché il gatto soffia

Nulla di tutto questo: il gatto non ruggisce. Ma la sua non è certo pigrizia, in favore di un miagolio costante, bensì una predisposizione fisica. Il nostro micio di casa non può ruggire, perché non è favorito dal punto di vista anatomico. La risposta risiede nel tipo di ioide in suo possesso, ovvero un insieme di piccole ossa poste alla base della lingua che creano un contatto tra la laringe e il cranio. Nel caso dei grandi felini lo ioide è costituito da cartilagine quindi più elastico, mentre nel gatto è rigido quasi calcificato.

È proprio questo tipo di elasticità a favorire la vibrazione del ruggito, una mobilità fondamentale che determina la potenza del suono. La mancanza di questo sancisce anche l’assenza della predisposizione al ruggito, ma il gatto non è certo l’unico. Anche il puma non può ruggire, nonostante la stazza e la potenza, il suo ioide è simile a quello del piccolo gatto quindi in buona parte calcificato. Poco male, perché al nostro felino casalingo non mancano certo le caratteristiche. Riesce a incutere terrore anche solo sbuffando e soffiando.

>>Segui i leoni dello zoo in Argentina

Al contempo il leone può emettere una serie di versi e suoni che possono ricordare il miagolio più classico. Di certo non lo trasformerà in placido e calmo amico delle pennichelle pomeridiane sul divano di casa, ma ne sottolinea le similitudini e le affinità. Il gatto purtroppo invece non potrà mai ruggire con potenza, magari per spaventare ladri o vicini impiccioni. Ma ai nostri occhi, vista la molteplicità di virtù e pregi, il ruggito alla fine potrebbe risultare quasi superfluo, troppo eccessivo e non in linea con il suo formato.

10 aprile 2013
Fonte:
Lascia un commento