Google Street View, il comodo supplemento di Google Maps per visualizzare vie e quartieri a 360 gradi, è sempre foriero delle più svariate sorprese. Negli anni le Google Car hanno ripreso le più singolari situazioni, da uomini in maschera a ladri intenti a fare irruzione in qualche abitazione, passando per coppiette colte in atteggiamenti intimi loro malgrado. E non mancano nemmeno gli animali: dopo l’asinello di qualche settimana fa, è oggi il turno di un gatto a due zampe.

>>Scopri la vicenda dell’asino di Google Street View

Non si tratta ovviamente di un micio realmente deforme, bensì di un’immagine apparsa su un blog dedicato alle stranezze di Google Street View. Per realizzare le sue fotografie a 360 gradi, il motore di ricerca unisce fra di loro molteplici scatti e può capitare, anche di sovente, che le estremità delle fotografie non combacino perfettamente. Così si è semplicemente pensato che il bianco gatto in questione derivasse da un errore di ripresa e l’animale è perciò immediatamente diventato virale, accanto ai Kitler, ai gatti strabici e a molto altro ancora. Super-condiviso sui social network, c’è chi ha pensato simpaticamente di battezzarlo come nuova specie aliena, degli extraterrestri venuti da lontano pronti a sterminare il genere umano a suon di fusa. Peccato, però, che si tratti di una bufala.

A indagare sul fatto è stata la redazione di MSN, che ha scandagliato il servizio di mappe di Google alla ricerca dell’incriminato gatto. Con un po’ di pazienza e di tanto lavoro, è però apparso evidente come il gatto in questione fosse semplicemente tratto da una normale fotografia pubblicata sul Web, poi modificata da qualche buontempone per ironizzare sui servizi di Big G.

>>Scopri i gatti di Instagram

Lo scatto originale risale al 2003 e ritrae un sornione micio – con tutte e quattro le sue zampe – mentre si aggira nei pressi di Parliament Hill in quel di Ottawa, in Canada. Mistero risolto e Google Street View assolto.

Fonti: Blog Google Street View, Imgur, PawNation

9 maggio 2013
Lascia un commento