Il fotovoltaico negli Stati Uniti va bene, anche se ha numeri non confrontabili con quelli europei, ma è molto legato ai prezzi finali al consumatore dei pannelli. Lo si evince dall’ultima “Analysis of the US Residential Solar Power Market” di Frost & Sullivan: nel 2011 i ricavi del settore fotovoltaico domestico americano ammontano a 1,73 miliardi di dollari. Secondo la nota società di consulenza nel 2016 questo dato arriverà a 3 miliardi.

Nel 2011 la potenza totale fotovoltaica installata negli USA ammontava a 4,45 GW, con 1,85 GWh di energia prodotti. La quota del solare residenziale, il fotovoltaico sui tetti delle case degli americani, ammontava al 15,2%. La previsione è quella di una crescita dell’11,9% annuo fino al 2016.

Quello americano, quindi, si avvia a diventare un mercato importante per il fotovoltaico. Frost & Sullivan, però, avverte che la crescita attuale è spinta molto dal calo dei prezzi dei pannelli. E che il prezzo è sempre la variabile più importante per gli americani.

Tanto è vero che è previsto un forte calo degli ordini di fotovoltaico se il Governo non riuscirà a prolungare oltre marzo il cosiddetto 1603 Program, cioè gli sgravi fiscali per chi produce energia. A questo punto, spiega l’analista di Frost & Sullivan Georgina Benedetti, è importante pensare a nuovi modi per finanziare il fotovoltaico:

Nuovi tipi di finanziamento, come i programmi di leasing fotovoltaico o gli accordi di vendita diretta dell’energia rinnovabile stanno abbassando le barriere all’installazione dei sistemi solari. Queste barriere includono l’alto costo iniziale e la complessità dell’installazione e della manutenzione.

Il suggerimento di Frost & Sullivan è anche quello di venire incontro agli utenti: i produttori di pannelli fotovoltaici potrebbero aumentare i propri introiti nel settore residenziale offrendo servizi chiavi in mano: dalla progettazione alla manutenzione.

Perché, si sa, il rapporto diretto con il cliente finale non è al momento il punto forte dei big cinesi del fotovoltaico low cost.

18 gennaio 2013
Fonte:
Lascia un commento