Cosa potrebbe succedere se nel 2030 il mondo non ce la facesse più? Come potrebbe continuare l’economia del capitalismo senza petrolio, senza risorse ambientali, senza più la possibilità che la terra si rigeneri? Sono alcune delle domande di uno studio nato 40 anni fa presso i laboratori del Mit di Boston, oggi attuali più che mai.

The Limit Of Growth” è uno studio pubblicato nel 1972 e per molto tempo aspramente criticato, a causa dell’ostracismo del business e dei dubbi della stessa comunità scientifica. Ma quarant’anni dopo al saggio viene riconosciuta la sua veridicità, ovvero quella di sottolineare come l’attuale modello di crescita sia tutto fuorché sostenibile dal punto di vista ambientale.

Il libro, commissionato dal Club di Roma, già all’inizio degli anni ’70 si proponeva di dimostrare come lo sfruttamento ambientale forsennato e il consumismo spietato non potessero essere un sistema di vita eterno. Attraverso l’inferenza di diverse variabili – come la disponibilità di petrolio, di cibo e la crescita demografica – “The Limit Of Growth” ha voluto predire lo scenario umano fino al 2100. E i risultati sono scioccanti, perché il completo collasso del sistema terra è stato predetto per il 2030, quando le risorse disponibili non saranno più sufficienti a mantenere i consumi, quando l’inquinamento avrà ormai contaminato irreversibilmente le coltivazioni e molto altro ancora. Resterebbero poco più di 15 anni, quindi, per salvare il Pianeta.

Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF, segretario della Fondazione Aurelio Peccei e rappresentante del Club di Roma, spiega come ai tempi il libro destò una forte curiosità, con oltre 12 milioni di copie. Ma le critiche furono davvero spietate:

«Fu criticato un po’ da tutti, si disse ad esempio che il capitale umano, attraverso la tecnologia, avrebbe reso possibile superare i limiti alle risorse. In questi ultimi anni però molti studi stanno dando ragione alle conclusioni di 40 anni fa.»

Manca davvero così poco tempo al collasso? E l’uomo vi può intervenire direttamente? Sicuramente, già oggi esistono le risorse per evitare una crisi del petrolio, considerando come esistano carburanti e approvvigionamenti energetici alternativi, dalle auto all’idrogeno al solare. La ritrosia del mercato, che preferisce invece gli alti profitti garantiti dall’oro nero, ne ha però limitato la diffusione. Per i consumi, inoltre, bisogna educare gli esseri umani a una nuova consapevolezza, a partire da quella alimentare, magari con l’acquisto di prodotti a chilometro zero che seguano l’andamento delle stagioni, non i capricci dei consumatori. Un altro mondo è quindi possibile?

9 aprile 2012
Fonte:
I vostri commenti
Ziomaul, giovedì 19 aprile 2012 alle2:41 ha scritto: rispondi »

Sono intanto usciti aggiornamenti di quel libro dalla prima edizione. dato che era impensabile che il muro di Berlino crollasse e che l'economia asiatica avesse un tale boom e dati più precisi la data è stata anticipata!

Lascia un commento