Una storia a lieto fine quella che ha coinvolto un cucciolo di volpe e un cane. Il piccolo dal manto rosso si era trovato improvvisamente solo perché la madre era stata colpita durante una battuta di caccia, come purtroppo tristemente accade in questo periodo dell’anno. Ma solo dopo diversi giorni il cucciolo era stato recuperato dentro la sua tana, dove da tempo aspettava affamato e spaventato.

Condotto al Feadon Farm Wildlife Centre in Portreath, Cornwall, era stato subito accudito dai responsabili del posto. Forse spaesato e smarrito, il piccolo di volpe, ribattezzato Copper, si era subito affezionato a Jack, il cane di Gary Zammit operatore del centro. L’affetto era nato in modo spontaneo e sincero, ed i due si erano ritrovati a giocare in modo naturale.

Una condizione atipica vista la rispettiva natura delle due specie, spesso contrapposte e in conflitto. L’istinto della volpe la porta a temere i cani, e questi ultimi a cacciarla con aggressività. Ma forse Jack, consapevole delle condizioni del cucciolo, ha deciso per una strada diversa. E ben presto si è ritrovato a svolgere il ruolo di madre adottiva nonchè di guida.

Copper condivide il divano con Jack e spesso giochi e attività ludiche, atte a mantenere vigile il suo istinto naturale. Ma per le passeggiate all’esterno Gary è costretto a condurla a guinzaglio, in modo che la piccola volpe non subisca assalti dai cani dei vicini o di qualche cacciatore. La sua permanenza al centro l’aiuterà nel percorso di crescita e di reinserimento nel suo habitat naturale.

2 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento