Il batterio killer non arriva dalla soia

Quello del batterio killer sta diventando un vero e proprio psico-dramma. Se ieri la colpevole del contagio era la soia della Bassa Sassonia, oggi è innocente, ma anche colpevole. Sì, perché se è vero che dalle analisi in laboratorio non è emersa alcuna prova, il Ministro dell’Agricoltura tedesco ha fatto sapere che:

È una pista importante che deve essere seguita con forza.

I produttori di soia ringraziano per la cattiva pubblicità, mentre la verità sembra essere quella di un tragico brancolamento nel buio. Brancolamento capace di affossare un mercato, mettere in crisi i rapporti con Spagna e Portogallo, creare il panico nei consumatori e, per il momento, nei produttori di cetrioli e soia.

E mentre si attende scetticamente un nuovo colpevole, il suggerimento più serio resta quello, come ricordato dallo stesso Ministro tedesco, di non mangiare legumi (ed in generale verdura) cruda.

Ribadiamo però, per concludere, come i casi di contagio sembrino strettamente legati alle produzioni tedesche. L’insalata di casa nostra dovrebbe essere al sicuro. È forse il momento si scoprire per davvero un po’ di economia a Km 0.

7 giugno 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
maria, martedì 7 giugno 2011 alle11:44 ha scritto: rispondi »

E' assurda  tanta leggerezza! E' comprensibile la difficoltà di scoprire l'origine dell'infezione. potrebbe non scoprirsi mai perchè l'eschierichia coli è un nostro saprofita che non di rado è causa di gastroenteriti.

Lascia un commento