La discriminazione amorosa può avvenire anche in tema culinario o di sensibilità ad animali e ambiente? La risposta parrebbe decisamente affermativa. Secondo un sondaggio stilato da Today.com e pubblicato da Forbes, oltre il 30% degli onnivori non frequenterebbe un vegano se ne avesse la possibilità.

Si tratta di una ricerca che tasta il polso di una contrapposizione, quella tra onnivori e vegetariani, che negli ultimi tempi ha ben superato lo status di differenza ideologica, diventando una vera e propria battaglia senza esclusione di colpi. E le responsabilità sembrano ricadere su entrambi gli estremi di questo continuum – sarebbe più indicato parlare di trincee – con l’esasperazione di due stili di vita differenti.

Su un campione di oltre 4.000 intervistati di entrambi i sessi e in una fascia d’età compresa tra i 18 e i 75 anni, il 96% di vegetariani e vegani sostiene di non aver alcun problema nello stringere una relazione amorosa con un carnivoro. Il 30% degli onnivori, invece, si rifiuterebbe di iniziare una love story con vegetariani e vegani, sia per paura di ricevere continue pressioni psicologiche che per vera e propria chiusura nei confronti di una condotta di vita diversa.

Sebbene la ricerca si limiti solamente a rilevare una differenza statistica, senza troppo addentrarsi nelle motivazioni alla base di due scelte così contrapposte, basta una rapida occhiata ai social network o agli stessi commenti alla survey per ipotizzarne alcune motivazioni. Ragioni che, proprio perché limitate a interventi casuali sul Web, non possono essere assurte a valore universale, ma sicuramente utili per tratteggiare i contorni di questo studio. Dal punto di vista onnivoro, pare che il rifiuto non sia condizionato solamente dall’ideologia, ma anche da una buona dose di paura. Sono diversi gli utenti che dichiarano di essere vittime, o di esserlo stato in passato, di violente pressioni psicologiche da parte di amici vegetariani e vegani, tanto da rendere la frequentazione reciproca più una tortura che una modalità intelligente per confrontare punti di vista opposti. Dal versante vegano, invece, in tantissimi dichiarano di essere eccitati dalla possibilità di frequentare un onnivoro, ma solo per il gusto della sfida di poter “convertire il partner”. Seppur non rappresentativi – vale la pena ricordarlo nuovamente – sono evidentemente degli intenti che si giustificano l’un l’altro.

Se siano davvero due mondi inconciliabili, quello vegano e quello onnivoro, non è dato sapere. La realtà potrebbe essere decisamente diversa dalle dichiarazioni rilasciate in un sondaggio perché, checché se ne dica, l’amore è molto di più di una semplice differenza alimentare. Entrano in gioco l’attrazione, il fascino, i sentimenti, l’erotismo e molto altro ancora, tutti fattori che superano di gran lunga le passioni di cucina. Ma, in attesa di una controprova in tal senso, non resta che sottolineare come fra moglie e marito meglio sia sempre meglio non metterci il piatto.

, Forbes

7 luglio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
gio15, sabato 25 aprile 2015 alle13:53 ha scritto: rispondi »

io vado ancora a scuola e sono vegana e con i miei compagni non ce mai stato nessun tipo di problema, è vero, certi non capiscono perché io non mangi mai carne alla mensa ma finisce li. Loro sono liberissimi di mangiare carne e derivati e a me non importa, nn tento di convincerli perché deve essere una cosa che si sente, che si vuole davvero quella di essere vegetariano o vegano e non mi disturba più di tanto vederli mangiare, anche perché non mi metto a guardare cosa mangiano gli altri sinceramente, ed alcuni miei amici che sanno della mia dieta e che mi hanno invitato a casa loro mi hanno sempre fatto sentire a mio agio offrendomi cibi che potessero andare bene per tutta la famiglia e non solo per me come un piatto di pasta semplice, dall'insalata alle patatine. io non vedo tutto questo casino dell'onnivoro mica onnivoro veg e non veg basta rispettarsi, e lo dice una ragazza di 15 anni.

gabriella, martedì 11 novembre 2014 alle19:16 ha scritto: rispondi »

io cmq lavoro in mezzo agli onnivori, con clienti onnivori, non mi metto in mostra e qualche volta mangio con loro, e loro vogliono sempre assaggiare le mie "delizie" che mi porto d'a casa, e rimangono sempre sorpresi anche perché sono convinti che io mangio solo insalata .. Mi becco spesso delle battute spiritose ma molto pungenti che vorrebbero vedermi ai tempi della guerra che cosa avrei scelto di mangiare... Mi prendono in giro tutti dicendomi che va di moda, o perché lo faccio per dimagrire... quando escono non mi invitano, e sebbene di recente sono stata invitata ad un matrimonio, confesso che ci sono rimasta cosi male, perché x me non c'era assolutamente niente da mangiare al di fuori dell'insalata sebbene ho chiesto se possibile avere almeno un piatto di pasta al pomodoro..ma non c'era!! si direi che sono stanca e se posso dire qualcosa, non sono i vegani contro gli onnivori ma viceversa!

cristina, martedì 11 novembre 2014 alle19:03 ha scritto: rispondi »

viviamo in una società dove l'informazione alimentare è stata sostituita dalle pubblicità, che oramai la gente spaccia per informazione. Persino tra i vegani stessi c'è poca cultura sull'alimentazione , ma ricordiamoci che molti di loro diventano vegani per una scelta etica e non in base ad una corretta informazione alimentare. E vero, io sono fidanzata con un onnivoro ed è una convivenza difficile; e sebbene cucino io per entrami, mi viene spontaneo spiegare qualche volta i benefici della mia dieta ma questo non è un lavaggio del cervello, come dicono i vostri commenti, anche lui stesso lo farebbe se potesse trovare argomenti per decantare la dieta a base di carne, ma non ha argomenti, e questo lui lo riconosce ogni volta. Stella se posso rispondere solo a te in questo post sei stata tu che hai insultato un po tutti, i testimoni di geova, i vegani e tutti quanti.. Mi sembra normale però che chi crede nella Pace ad esempio, crei manifestazioni e partecipi in maniera attiva a ciò in cui crede. Cosi succede anche per i testimoni di geova, per gli islamici, che credono nel loro dio, e cosi anche per i vegani anche se ancora non mi è mai capitato di vedere vegani che bussano alle porte per il momento, ma si vede che sono tutti andati a bussare dalla Stella ..hahaha mah.. scusate ma di fronte a certi commenti ridicoli non resisto.

Antonio, venerdì 25 aprile 2014 alle12:30 ha scritto: rispondi »

"Dal versante vegano, invece, in tantissimi dichiarano di essere eccitati dalla possibilità di frequentare un onnivoro, ma solo per il gusto della sfida di poter “convertire il partner”. Sono onnivoro, ho avuto vegetariani e vegani a casa e non ho mai cercato di convincerli, non gli ho fatto paranoie e ho mangiato vegetariano con loro, idem se vado a casa loro. E la cosa piu importante, non ho cercato di convincere nessuno perche sono una persona che rispetta le opinioni degli altri, cosa che a molti vegani, evidentemente, manca.

Jennifer, giovedì 30 maggio 2013 alle17:03 ha scritto: rispondi »

Peccato che la tua "scelta" di essere onnivoro (che poi non è nemmeno una scelta ma dovuta a fattori quali: conformismo, tradizione, abitudine e comodità) abbia delle ripercussioni sull'ambiente, sulla vita di esseri innocenti e pure sulla tua stessa salute. Non è semplicemente una questione di punti di vista, 10 miliardi di animali uccisi l'anno non sono un punto di vista, gli allevamenti/lager intensivi non sono un punto di vista, le malattie non sono un punto di vista, la non sostenibilità a livello ambientale di questo stile di vita non è un punto di vista. Voi onnivori ce l'avete con i vegani perchè vi sbattono in faccia una realtà che non volete vedere, meglio girarsi dall'altra parte con la pancia piena.

Lascia un commento