IKEA venderà solo lampadine a LED dal 2016

IKEA venderà solo lampadine a LED a partire dal 2016. La decisione per il colosso svedese segue quella maturata nel 2011 in merito allo stop alla vendita di lampadine a incandescenza. In quel caso gli scandinavi furono dei veri e propri apri-pista nel mercato americano, essendo il primo rivenditore di massa a procedere in tal senso.

Il vantaggio rappresentato dai LED secondo IKEA è oltre ogni dubbio, considerando il fatto che questo tipo di illuminazione ha mostrato di garantire una luce pari a quella delle lampadine a incandescenza con un costo energetico inferiore di circa il 90%. Fondamentale secondo gli studi presentati dagli svedesi anche la durata, superiore di venti volte rispetto ai classici “bulbi”.

Secondo i dati raccolti circa l’86% degli statunitensi sarebbe interessato a cambiare le proprie lampadine con luci a LED dopo aver preso in considerazione il netto calo nei costi energetici. Un dato che secondo IKEA porterebbe ad un netto miglioramento nelle condizioni climatiche grazie a minori emissioni di CO2:

Se un milione di persone hanno cambiato una lampadina ciascuno in LED, questo corrisponderebbe in termini di emissioni di CO2 a togliere quasi 6700 auto dalla strada, o piantare 17 milioni gli alberi ogni anno.

Un’attenzione per l’ambiente che sembra aver coinvolto il gigante scandinavo già con il menu biologico, proposto questa estate in accordo con il WWF, oppure la creazione negli USA di punti di ricarica per auto elettriche.

Il notevole risparmio che mostrano di garantire le lampadine a LED è destinato a scontrarsi, in futuro probabilmente con maggiore frequenza e intensità, con il crescente movimento che vede in questa tecnologia un potenziale pericolo per la salute.

Dopo le prime analisi, i cui risultati circa un anno fa affermarono come l’eccessiva presenza di luce “blu” provocasse potenziali danni all’occhio umano, altre sono seguite fino a quella resa nota meno di un mese fa dai ricercatori dell’Università di Haifa. Sotto accusa ancora una volta la particolare tipologia di illuminazione a onde di luce blu, che provocherebbe notevoli squilibri al metabolismo degli esseri viventi.

2 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento