Igiene in casa protegge da sostanze chimiche pericolose dei mobili

Se pensiamo all’igiene in casa, ci viene subito in mente quanto possa essere importante per la qualità della nostra vita e per proteggerci da eventuali danni alla salute. Sicuramente puntare sull’igiene in casa è importante per eliminare tutti quei microrganismi in grado di innescare patologie che colpiscono il nostro organismo.

C’è di più, secondo quanto ha riscontrato uno studio della Columbia University. La pulizia della casa è fondamentale anche per proteggerci dalle sostanze chimiche pericolose che si trovano a volte nei mobili.

=> Scopri quali pentole e padelle sono le più sicure

È vero che alcune sostanze chimiche contenute nei prodotti per la pulizia possono causare dei danni, ma come hanno scoperto gli esperti a volte contro la pericolosità di queste sostanze chimiche si può rimediare con una corretta igiene in casa.

Per esempio uno dei ritardanti di fiamma più usati, che contiene Tris fosfato, si rivela pericoloso perché causerebbe alterazioni del DNA. Eppure, nonostante i danni che è in grado di provocare, viene ancora utilizzato nelle case di molte persone per proteggere i mobili dalle fiamme.

=> Leggi di più sui rischi chimici legati alle padelle antiaderenti

I ricercatori della Columbia University hanno analizzato l’urina di 32 donne e hanno trovato tracce di Tris fosfato in quasi tutti i campioni. Hanno visto che l’igiene in casa ha ridotto la sostanza chimica di circa la metà e del 31% la sua presenza nell’organismo umano.

Quindi sarebbe veramente consigliabile lavarsi le mani e pulire la casa in maniera regolare, per evitare di essere esposti eccessivamente a queste sostanze pericolose contenute nella struttura degli arredi domestici.

Gli esperti hanno visto proprio che quando le donne si dedicavano a pulire regolarmente le loro case, dopo qualche settimana, i livelli di Tris fosfato erano quasi dimezzati nelle urine. Più ci si dedicava alla pulizia, più i livelli di Tris fosfato calavano e in certi casi si è constatata anche una riduzione del 62%.

29 giugno 2018
Immagini:
Lascia un commento