Igiene in casa: prodotti per pulizia causano sovrappeso nei bambini

I prodotti per l’igiene in casa potrebbero favorire il sovrappeso nei bambini a causa delle sostanze chimiche presenti nei detergenti per la pulizia. Si tratterebbe di una conseguenza del cambiamento dei batteri intestinali dei più piccoli, che potrebbero renderli meno in grado di regolare l’appetito.

La ricerca è stata condotta dagli studiosi dell’Università di Alberta, che hanno analizzato le feci di 757 bambini di età compresa tra 3 e 4 mesi in modo da determinare i batteri intestinali presenti. Inoltre le madri dei bambini hanno compilato dei questionari per comprendere quanto spesso utilizzassero i prodotti per la pulizia nelle case. Lo studio ha suggerito che i giovani che trascorrono più tempo in ambienti puliti trattati con prodotti per l’igiene in casa sono più propensi ad essere in sovrappeso.

=> Scopri i falsi miti più diffusi sull’igiene in cucina

È stato registrato il peso dei bambini quando avevano tra uno e tre anni e i risultati sono stati confrontati con i valori dell’indice di massa corporea raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per le diverse fasce di età. Nei più piccoli che abitavano in ambienti trattati spesso con disinfettanti per l’igiene in casa erano maggiormente presenti delle specie di batteri nella stessa composizione che si può riscontrare spesso nei pazienti con diabete.

=> Leggi di più su igiene in casa e rischio batteri per gli strofinacci da cucina

Al contrario, quando si utilizzavano prodotti per la pulizia ecocompatibili e naturali i giovani avevano maggiori probabilità di mantenere un peso sano. Potrebbe trattarsi nello specifico di un minore impatto di questi prodotti sui batteri intestinali dei bambini, ma potrebbe anche derivare dal fatto che le persone che utilizzano questi detergenti green a volte conducono uno stile di vita più sano.

I risultati non sono cambiati nemmeno quando gli studiosi hanno preso in considerazione altri fattori che potrebbero influenzare i batteri intestinali di un bambino, come l’allattamento al seno, il parto cesareo o il trattamento con antibiotici. Anita Kozyrskyj, principale autrice dello studio, ha aggiunto che saranno necessari ulteriori studi per scoprire nello specifico gli ingredienti dei prodotti per la pulizia che potrebbero avere un ruolo determinante nel favorire l’obesità.

19 settembre 2018
Lascia un commento