L’ultimo consuntivo mensile diffuso dall’operatore elettrico Terna evidenzia un calo preoccupante della produzione idroelettrica italiana. L’idroelettrico ha chiuso il mese di gennaio 2016 in calo del 29,2% rispetto a gennaio 2015. Ancora più netto il crollo della produzione rispetto a gennaio del 2014, con un calo del 46%.

La produzione termoelettrica è cresciuta dell’8,9% mentre il geotermoelettrico ha chiuso il mese a quota +2% rispetto a gennaio 2015.

In aumento anche la produzione eolica. A gennaio 2016 sono stati generati 1.926 GWh a fronte dei 1.868 GWh registrati a gennaio 2015, corrispondenti a un incremento del 3,1%. La produzione fotovoltaica è invece calata del 10,1%, con una produzione di 1.012 GWh rispetto ai 1.131 GWh generati lo scorso anno nello stesso periodo.

La domanda di energia elettrica a gennaio 2016 si è attestata sui 26.260 GWh, facendo segnare un -1,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Lo scorso mese l’Italia è riuscita a soddisfare l’84,9% della domanda di energia elettrica grazie alla produzione interna. L’energia importata a gennaio ammonta a 4.469 GWh. Il calo delle importazioni rispetto a gennaio 2015 è stato di ben il 13,7%. L’esportazione di energia è invece cresciuta del 22,1%.

Come evidenzia Terna nel consuntivo mensile, la richiesta maggiore di elettricità è arrivata dalle Regioni settentrionali:

Nel primo mese del 2016 il Nord del Paese detiene la maggiore richiesta di energia elettrica (12,2 miliardi di kWh pari al 46,6% dell’intera domanda nazionale), mentre la direttrice dei flussi interni di energia elettrica si concentra principalmente verso il centro della Penisola.

Analizzando i dati a livello territoriale emerge un calo diffuso della richiesta di energia. La domanda energetica è diminuita dell’1,2% al Nord e dell’1,1% al Centro. Ancora più marcato il decremento della richiesta nelle Regioni meridionali, che chiudono il mese di gennaio 2016 a quota -3% rispetto a gennaio 2015.

Il fabbisogno energetico ha raggiunto il suo picco alle ore 18 del 19 gennaio 2016, con una potenza massima richiesta di 51,6 GW. Terna ha precisato che il bilancio elettrico mensile di gennaio 2016 verrà sottoposto a ulteriori revisioni e affinamenti dei dati nei prossimi mesi.

16 febbraio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento