Ricette per il menu di Natale, per portare a tavola i piatti della tradizione ma anche qualche proposta alternativa. Ecco qualche idea per un antipasto, un primo e un secondo.

Ricetta terrina di pesce e spinaci. A Natale non può mancare il pesce ed ecco un antipasto delicato e raffinato. Ingredienti: 20 gr. di colla di pesce, erba cipollina, noce moscata, olio d’oliva, 400 ml di panna, 200 gr. orata, 200 gr. persico, 300 gr. salmone, 700 gr. spinaci, 200 gr. ricotta, sale, pepe. Lessare gli spinaci in acqua leggermente salata, poi strizzarli e farli saltare in padella con olio e aglio. Aggiungere sale e noce moscata poi frullarli con la ricotta fino a ottenere una crema liscia. Intanto pulire i filetti di salmone dalle lische e dalla pelle poi metterli in padella con due cucchiai di olio e cuocere a fuoco medio circa 5 minuti per lato, girandoli una sola volta. Quando il salmone sarà cotto metterlo in una ciotola insieme all’erba cipollina, aggiungere 200 ml di panna, un po’ di sale e frullare. Pulire anche i filetti di pesce persico e orata e metterli in padella con olio. Cuocere a fuoco medio circa 5 minuti per lato, girandoli una sola volta. Frullarli con la panna restante e un pizzico di sale.

Una volta preparate le tre creme mettere in tre ciotole diverse la colla di pesce così suddivisa: 6 gr. per il composto di persico e orata, 6 gr. per il composto di salmone ed erba cipollina e 8 gr. per il composto di spinaci. Lasciare in ammollo la colla in acqua fredda per circa 10 minuti in modo da farla ammorbidire. A questo punto mettere la colla strizzata in ognuna delle tre creme di pesce calde.

=>LEGGI anche la ricetta light del branzino al sale

In uno stampo da plumcake foderato di carta da forno versare per primo il composto di persico e orata e livellare bene con una spatola, poi sopra il composto di spinaci, livellare ancora e infine versare quello di salmone ed erba cipollina. Coprire con pellicola e far riposare in frigo per almeno 6 ore. Servire a temperatura ambiente su un piatto da portata, accompagnato con pane caldo.

Ricetta linguine con i fasolari. Ingredienti: 2 spicchi di aglio, un cucchiaio di farina, 400 gr. di fasolari sgusciati, 400 gr. linguine, olio di oliva, pepe, prezzemolo tritato, sale. Aprire i molluschi crudi impugnandoli dalla parte più corta della conchiglia e incidendo i due muscoli laterali interni. Raccogliere la loro acqua durante l’apertura, staccare i fasolari dai gusci e batterli con un batticarne. Tritarli grossolanamente con un coltello e metterli in una ciotola. Tenere da parte l’acqua raccolta. In una padella soffriggere l’aglio con qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva per pochi minuti, poi unire l’acqua dei fasolari, la farina setacciata e un po’ di pepe. Cuocere le linguine e a metà a cottura aggiungere i fasolari al sugo per pochi minuti. Unire anche il prezzemolo e mescolare bene. Scolare le linguine e farle saltare con il sugo per un paio di minuti. Aggiustare di sale e pepe e servire ben calde.

=>SCOPRI anche la ricetta delle linguine al sugo di cicale

Ricetta arrosto alla panna. Ingredienti: 6 cucchiai di aceto bianco, brodo di carne, 60 gr. di burro, 1 kg. di fesa di vitello, 1 cipolla, noce moscata, 100 gr. pancetta a fette, 250 ml. panna fresca, pepe, rosmarino, sale. Mettere la carne su un tagliere e disporre sull’arrosto le fette di pancetta per il lungo, fino a coprirne interamente la superficie. Legare l’arrosto e aggiungere il rametto di rosmarino. In un tegame abbastanza capiente, stufare la cipolla finemente tritata insieme all’olio e al burro, poi aggiungere l’arrosto e farlo dorare rigirandolo su ogni lato per cinque minuti. Quando si sarà rosolato aggiungere l’aceto e pepare e salare a piacere.

Versare la panna, allungare con un po’ di brodo e cuocere l’arrosto chiudendo il tegame con un coperchio per poco più di un’ora. Togliere l’arrosto dal tegame e mantenerlo in caldo. Far addensare il fondo di cottura e poi filtrarlo con colino. Tagliare l’arrosto a fette e versare su ciascuna fetta il sugo di cottura.

=>LEGGI anche la ricetta del tronchetto di Natale.

27 marzo 2013
Lascia un commento