SuperMuc è il nuovo supercomputer dall’anima ecologica che nasce dalla collaborazione tra IBM e il Leibniz Supercomputing Centre di Monaco di Baviera e si propone come una sorta di antesignano di quello che potrebbe essere il futuro dei calcolatori elettronici. Una tale presentazione potrebbe sembrare un po’ esagerata, ma innovativo, in effetti, il SuperMuc lo è davvero, essendo capace di unire un’enorme capacità di elaborazione a un inedito quanto interessante sistema di raffreddamento ad acqua che promette un drastico calo del fabbisogno energetico con conseguenti risparmi sulla bolletta elettrica.

Il SuperMuc è basato su server IBM System X e si annuncia come il computer più potente d’Europa, l’unico in grado di assicurare una velocità di elaborazione di tre peta Flop (FLoating point Operations Per Second, cioè il numero di operazioni svolte in un secondo) per prestazioni equivalenti a quelle di 110.000 computer messi insieme.

Ma oltre all’enorme potenza a disposizione il SuperMuc è particolarmente attento all’ambiente grazie al sistema di raffreddamento che utilizza acqua calda a circa 42 gradi. Secondo i realizzatori del supercomputer questa soluzione è 4.000 volte più efficiente del tradizionale sistema di raffreddamento ad aria solitamente utilizzato per questo genere di macchine e consente di abbattere i consumi energetici del 40%.

Ma oltre a rendere più leggera la spesa per l’energia elettrica SuperMuc aiuta anche a tagliare i costi del riscaldamento, dato che il calore sottratto all’apparecchio in fase di raffreddamento può essere impiegato per riscaldare gli edifici del Leibniz Supercomputing Centre che lo ospita, favorendo un risparmio su base annua di 1,25 milioni di dollari, secondo quanto stimato dallo stesso istituto tedesco.

Secondo Arndt Bode, direttore del centro di ricerca bavarese:

Entro quest’anno l’elettricità consumata dalle istituzioni statali tedesche deve essere sostenibile al 100%, e con questo supercomputer riusciremo a raggiungere questo obiettivo oltre a fare calcoli estremamente complessi in diversi campi, dall’ambiente all’ingegneria.

Dopo la presentazione di questi giorni il SUperMuc è atteso per il prossimo evento, che sarà la messa in funzione ufficiale prevista per il mese di luglio. I suoi impieghi saranno svariati e andranno dalla simulazione nel campo della medicina fino alla geofisica, passando per l’elaborazione di dati astronomici e per la progettazione di sofisticati aerei.

21 giugno 2012
In questa pagina si parla di:
ibm
Lascia un commento