Ian Somerhalder dai vampiri alla vocazione ecologica. L’amatissimo interprete di Damon Salvatore nella serie “The Vampire Diaries” è da tempo impegnato in progetti per la protezioni degli animali e dell’ambiente, tanto da aver creato una fondazione a suo nome. Oggi lancia un’estesa campagna contro i combustibili fossili, un intervento virale e mirato ai social network per allertare il pubblico sui pericoli di fonti energetiche così inquinanti.

Il tutto nasce da un hashtag Twitter più che esplicativo, #COALSUCKS, “il carbone fa schifo”, accompagnato da un’infografica e una lunga serie d’azioni che il pubblico, già da oggi, può intraprendere per ridurre l’impatto dei combustibili fossili. Così spiega l’attore:

Il carbone fa assolutamente schifo. Stiamo creando un massiccio intervento Twitter per spiegare alle persone quanto siamo seri sulla necessità di fonti pulite di energia, sbarazzandoci definitivamente dei vecchi e sporchi combustibili fossili.

Nell’infografica d’accompagnamento, dotata di uno stile giovane e molto ironico, così da stringere l’occhiolino all’utenza tipica dei social network, si riportano alcuni fatti preoccupanti sul continuo ricorso alle fonti non rinnovabili, soprattutto in termini di emissioni di anidride carbonica.

Inoltre sono messi a disposizione dei navigatori circa 60 “facts” sulle fonti rinnovabili, pronti per essere condivisi nei 140 caratteri di Twitter per una pacifica ed ecologica occupazione della piattaforma di microblogging.

La chiamata alle armi virtuali voluta dall’attore non le manda di certo a dire, perché in parte mirata anche ai big del settore. Ad esempio, è in corso una tornata di denuncia social delle attività di DukeEnergy, uno dei principali leader a stelle e strisce sui combustibili fossili. Anche una campagna di retweet per attirare le attenzioni dell’account di Barack Obama, per richiedere norme più rigide dall’amministrazione USA.

Coal Sucks

Coal Sucks, l’infografica

Il progetto #COALSUCKS è partito il primo maggio e si concluderà, almeno simbolicamente, nella tarda serata di oggi: al termine verranno esplicitati i risultati della campagna. Si tratta però solo di un traguardo momentaneo, perché il “twitter-storm”, così come è stato definito, proseguirà anche nei prossimi giorni.

7 maggio 2014
In questa pagina si parla di:
Via:
Lascia un commento