I gatti neri non portano sfortuna: sono solo solitari

Per molti secoli la sorte dei gatti neri è stata crudele e violenta: considerati presagio di sventura e associati alla caccia alle streghe, sono stati molti gli esemplari sacrificati in nome della superstizione. E anche oggi, nonostante certe dicerie siano smentite dai fatti, si continuano a mietere vittime fra i creduloni. C’è però un elemento scientifico che potrebbe aver alimentato la paura ingiusta verso i gatti neri, trasformandoli immotivatamente in iettatori ambulanti.

È quanto rivela uno studio condotto dall’Università di Berkeley e gestito dall’esperto felino Mikel Delgado: per qualche motivo non meglio precisato, i gatti neri dimostrano di essere statisticamente più solitari – e in alcuni casi del tutto asociali – rispetto agli esemplari di altri colori.

Il tutto è stato scoperto per caso. In una precedente ricerca del 2002, si è dimostrato come i gatti neri fossero i meno adottati da rifugi e centri d’accoglienza felini. I ricercatori, di conseguenza, hanno deciso di vagliare quanto l’ipotesi superstizione pesasse in termini di adozione e affido nei gattili della California. Sorprendentemente, non è la paura a guidare le scelte delle famiglie adottive, quanto la constatazione di come i gatti neri siano meno inclini alle fusa, ai miagolii festanti, alle movenze giocose in presenza di un umano. Un fattore non da poco per un gattile, dove la scelta di un animale a quattro zampe avviene spesso in base alle primissime impressioni, al feeling immediato che si lega tra il futuro proprietario e l’animale.

A controprova di questi risultati, i ricercatori hanno sottoposto a un campione di internauti amanti dei gatti un questionario per descrivere i felini neri. E, anche in questo caso, il fattore superstizione è stato assolutamente minoritario, mentre sono emerse delle caratteristiche comuni come la diffidenza, l’asocialità, la testardaggine di questi mici. Un dato confermato anche da chi è già felice possessore di un gatto nero: una buona parte degli intervistati ha ammesso un periodo di iniziale diffidenza del micio prima di dimostrare amore e riconoscenza al proprio padrone. Quale sia, tuttavia, la ragione di questa comune diffidenza nemmeno la scienza è in grado di spiegarla.

Vi è però un bellissimo rovescio della medaglia: presa confidenza con gli umani, pare che i gatti neri sappiano esprimere una maggiore dedizione al proprio proprietario. Insomma, conquistata la fiducia, il legame diviene indissolubile.

28 novembre 2012
I vostri commenti
daniela, venerdì 17 febbraio 2017 alle15:13 ha scritto: rispondi »

ho quattro gatti 3 maschi e un femmina sono una famiglia papà mamma e due figli. nino è un gatto nero che non è molto giocoso, ma con me si comporta con un amore assoluto vuole sempre starmi vicino e fare la pasta quando è mancata la mia mamma ha passato un mese a dormire sempre vicino a me tutta la notte. adesso che mi sento triste arriva alla sera e si accoccola vicino a me.

Donatella, lunedì 8 giugno 2015 alle23:38 ha scritto: rispondi »

Il mio è un gatto nero di nome Lapo. Io posso confermare le caratteristiche indicate nell'articolo. Il mio gatto è diffidente, non socializza immediatamente e non ama essere accarezzato a lungo. Compensa questo con una grande intelligenza, empatia, giocosita' e grande attaccamento a chi è certo che lo ami . Sembra proprio come un burbero cowboy che però quando vuole dimostra a suo modo di tenere tanto a chi gli è caro.

Martina, martedì 29 ottobre 2013 alle19:32 ha scritto: rispondi »

Il mio Mirtillo è un gatto affettuoso, vuole sempre giocare mi fa tante fusa e come dice l'articolo esprime molta più dedizione verso di me degli altri mici che ho! Viva i Gatti :)

Giuliana, venerdì 30 agosto 2013 alle8:43 ha scritto: rispondi »

ciao a tutti, da 4 giorni ho adottato dal gattile, un gatto maschio di 2 anni completamente NERO! ho avuto tanti gatti ma Leo, è il suo nome, supera tutti in affettuosità. Mi parla, mi cerca, mi aspetta... un amico esemplare. spero di non deluderlo in qualcosa.

Marco, giovedì 8 agosto 2013 alle21:54 ha scritto: rispondi »

Non sono d'accordo con quanto si e detto io possiedo quattro gatti due maschi e due femmine l'ultimo gatto nero eppure non e asociale anzi gioca con me e affettuoso ora no so se lui mi vede come persona buona oppure e u caso che si comporta con me in questo modo

Lascia un commento