Hotel offre pesci rossi a noleggio per i clienti soli

Non capita di rado di trovarsi in viaggio in completa solitudine, si tratti di una trasferta di lavoro oppure di una pausa dalla solita quotidianità. I momenti di noia, tuttavia, potrebbero essere parecchi, soprattutto quando si rientra in albergo dopo aver terminato le visite o le commissioni quotidiane. Per alleviare le serate dei suoi clienti solitari, un hotel belga ha optato per una soluzione a dir poco singolare: la possibilità di accudire un pesce rosso, da ammirare nella sua boccia per tutta la durata del pernottamento.

L’iniziativa è nata qualche anno fa presso l’hotel Charleroi Airport di Bruxelles, nei pressi dell’omonimo scalo aereo. Per circa 3.50 euro, i clienti della struttura possono noleggiare un pesce rosso, da accudire nel corso della notte. L’esemplare viene fornito completo di boccia e di mangime, nonché di tutte le istruzioni idonee per garantirne il benessere. La notizia è quindi subito rimbalzata sui social network, grazie agli scatti condivisi da alcuni visitatori.

=> Scopri i pesci rossi che hanno invaso un lago USA


David Dillen, manager dell’hotel, ha così spiegato l’idea alla base del singolare servizio:

Abbiamo cominciato qualche anni fa. L’idea era quella di sorprendere i nostri ospiti, come facciamo sempre. È incredibile vedere come i clienti vi reagiscono. Sorridono, fanno foto, le condividono sui social media. Noleggiamo qualche pesce ogni settimana.

=> Scopri perché la boccia è inadatta ai pesci rossi


Sempre sui social network, alcuni utenti hanno sollevato qualche dubbio sulla corretta gestione dei pesciolini, sottolineando come la boccia non sia la scelta più adeguata per una corretta ossigenazione dell’acqua. Sempre dall’hotel, tuttavia, giungono rassicurazioni sul benessere degli animali, nonché sulla profonda cura a loro accordata.

Ci prendiamo cura dei nostri pesci, sono con noi da oltre quattro anno, se non fossero correttamente accuditi sarebbero morti molto tempo fa. Dispongono di una grande vasca, completa di ripari, piante e generatori d’ossigeno.

7 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Upi
Lascia un commento