È targata Honda una delle prime novità presentate al Salone dell’auto di Francoforte 2017. Si tratta della Urban EV Concept, nuovo arrivo tra le auto elettriche della casa automobilistica giapponese e prototipo che è destinato a tracciare la linea da seguire per il modello di serie in arrivo, sul mercato europeo, da qui a un anno e mezzo circa.

Riguardo Honda Urban EV Concept la casa giapponese non ha rivelato nello specifico quelle che saranno le caratteristiche principali, conservando al momento il massimo riserbo per quanto concerne batteria, motorizzazione (si sa che sarà 100% elettrica) o autonomia stimata. Maggiore disponibilità è stata invece mostrata per quanto riguarda gli esterni e le dotazioni tecnologiche. Partiamo quindi dalle attuali certezze.

=> Scopri Honda concept NueV, presentata al Salone di Ginevra

Lo stile della vettura è annunciato come “retrò”, andando a riprendere in qualche modo quelle che sono le linee della Civic anni ’70. In termini di dimensioni la lunghezza di Honda Urban EV Concept è segnalata come inferiore di 10 cm rispetto alla terza generazione della Jazz (modello pre-restyling), per una cifra finale di 3895mm.

Venendo alla parte frontale della vettura, Urban EV Concept consentirà di mostrare segnali multilingue nello spazio compreso tra i fari: da messaggi di benvenuto o di avvertimento per gli altri guidatori o per i pedoni come lo status di ricarica della vettura. Presente inoltre una presa per fare il “pieno” di energia elettrica.

=> Leggi i dettagli sul piano auto elettrica di Honda al 2030

Nella zona posteriore, in prossimità del marchio Honda a ridosso della ruota sarà presente un indicatore luminoso blu (una barra) che mostrerà il livello di carica della batteria. In dotazione alla vettura anche la tecnologia “Honda Automated Network Assistant”, confermando l’attenzione della casa giapponese per lo stato emotivo del guidatore.

Quattro i posti a sedere all’interno dell’abitacolo, mentre un ampio schermo digitale permetterà di visualizzare un ampio spettro di informazioni. Delle videocamere rimpiazzeranno gli specchietti retrovisori, mentre i montanti sottili aumenteranno la visibilità a disposizione del guidatore. Certa anche la data di “sbarco” della compatta giapponese in Europa, che avverrà entro due anni. A confermarne l’arrivo entro un periodo relativamente breve è lo stesso Takahiro Hachigo, presidente e CEO di Honda, che ha dichiarato:

Non si tratta di una visione destinata a un futuro lontano. Una versione di quest’auto destinata alla produzione approderà in Europa nel 2019.

12 settembre 2017
Lascia un commento