Un significativo “boost” nelle vendite di autoveicoli elettrici: è il programma a lungo termine annunciato nelle scorse ore dai vertici Honda. Più nel dettaglio, secondo un report del Wall Street Journal, entro il 2030 almeno i due terzi delle vendite globali per il marchio giapponese dovrano arrivare da modelli a zero emissioni: la dichiarazione porta la firma di Takahiro Hachigo, da febbraio 2015 CEO e presidente di Honda.

L’impiegno assunto dal numero uno del colosso fondato nel 1948 da Soichiro Honda rappresenta un ulteriore segnale di un sempre più concreto focus del comparto automotive nei confronti della mobilità eco friendly: è chiaro, a questo proposito, che il recentissimo “Dieselgate”, la vicenda che vede Volkswagen al centro dell’opinione pubblica in seguito alle emissioni manipolate in laboratorio degli ossidi di azoto, gioca un ruolo determinante nelle strategie industriali dei principali Gruppi automobilistici.

Ad oggi, i veicoli “puliti” rappresentano il 5% circa delle vendite per Honda: per la maggior parte, sono modelli ibridi a propulsione benzina – elettrico. Nell’immediato, il brand giapponese porterà al debutto la nuova Honda Clarity Fuel Cell, berlina a idrogeno attesa in listino entro fine 2016. Takahiro Hachigo è del parere che i modelli ibridi e ibridi plug – in potranno incidere fino alla metà del totale vendite per Honda nel 2030, mentre gli altri veicoli elettrici (cioè quelli alimentati dalla rete e quelli fuel cell) ammonteranno al 15%.

Honda non è l’unico top brand ad avere definito concreti programmi di elettrificazione della propria gamma. Nei mesi scorsi, Toyota aveva previsto che entro il 2050 gli autoveicoli ibridi, ibridi plug–in e fuel cell andranno a rappresentare la maggior parte delle vendite globali. E General Motors annuncia un progetto di 500.000 auto elettriche sulle strade USA entro il 2017: un piano ambizioso, che suscita notevoli attese da parte del pubblico.

25 febbraio 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento