Honda sta studiando diverse soluzioni per cercare di portare auto a zero emissioni capaci di imporsi sul mercato nei prossimi anni. Per questo motivo, il gruppo giapponese ha allo studio diverse soluzione, alcune delle quali hanno consentito di dare alla luce alcuni prototipi presentati in più occasioni negli anni scorsi.

Una delle più interessanti novità in questo senso è la Honda Native, una vettura elettrica alimentata da batterie agli ioni di litio e realizzato usando materiali leggeri, in modo da migliorare le prestazioni, diminuire il consumo energetico e aumentare l’autonomia. La linea arrotondata conferma una certa attenzione all’efficienza aerodinamica, con la possibilità di poter cambiare colore ad alcuni pannelli della carrozzeria che potrebbe accontentare i più attenti all’aspetto estetico.

Presentata per la prima volta al Salone di Los Angeles di due anni fa, la Honda Air Concept è un’altra interessante variazione sul tema dell’auto ecologica. Con la sua carrozzeria di polimeri ottenuti da vegetali e un peso di poco superiore ai 450 kg, questa inconsueta sportiva è in grado di ospitare fino a quattro passeggeri ed è spinta da un sistema pneumatico ad aria compressa, con un’autonomia complessiva di circa 100 km favorita dalla possibilità di sfruttare i flussi d’aria esterni per ottenere la pressione necessaria alla propulsione.

La casa giapponese ha presentato qualche anno fa a Ginevra anche la Honda 3R-C, una vettura a tre ruote dal design futuristico a metà strada tra un’automobile tradizionale e una moto. Il motore elettrico e la batteria sono montati sul telaio, in modo da abbassare il baricentro del mezzo e consentire un comportamento sicuro in curva, anche in ragione delle sole tre ruote che di per sé penalizzano non poco la stabilità.

Design semplice e originale hanno caratterizzato infine la Honda PUYO, modello dallo stile più unico che raro caratterizzato dalla forma cubica e da un sistema di alimentazione a idrogeno, oltre che dalla possibilità di sfruttare ottimamente lo spazio interno, tanto da poter ospitare comodamente fino a quattro passeggeri.

5 gennaio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento