La Honda Accord Hybrid Plug-in è stata nominata Green Car of the Year 2014. La vettura ibrida giapponese ha superato la concorrenza di diverse concorrenti molto quotate, succedendo nell’albo d’oro alla Ford Fusion (la versione americana della Ford Mondeo), che ha conquistato la vittoria nell’edizione dello scorso anno.

La proclamazione della Honda Accord ibrida è arrivata come tradizione durante il Salone di Los Angeles, teatro in cui gli organizzatori del premio, ovvero i responsabili del Green Car Journal, hanno annunciato il nome del modello ritenuto più interessante per quanto riguarda diversi aspetti. Grande attenzione è stata rivolta alle prestazioni ambientali. Secondo Jean Michel Cousteau, uno dei giurati che hanno partecipato alla votazione nonché presidente della Ocean Futures Society:

Quando consideri il costo della Honda Accord e il chilometraggio che è in grado di offrire con l’alimentazione standard e con il sistema ibrido, non sei avvantaggiato solamente dal punto di vista economico, ma migliori l’impatto ambientale utilizzando meno petrolio e tagliando le emissioni di CO2.

La rosa delle finaliste comprendeva anche alcuni modelli con propulsione tradizionale come le tedesche BMW 328d e la Audi A6 TDI, entrambe alimentate a gasolio. La Honda Accord Hybrid Plug-in è stata ritenuta la vettura con maggiori potenzialità sia a livello di impatto ambientale, sia a livello di forza sul mercato, essendo considerata uno dei modelli capaci di conquistare dei significativi volumi di vendita e favorire così la diffusione della tecnologia ibrida.

Con la vittoria della Accord, Honda bissa il successo ottenuto nell’edizione 2012 del Green car of the Year, quando ad imporsi fu la Honda Civic Natural Gas alimentata a metano.

Per trovare invece la più recente vittoria di un modello elettrico bisogna andare indietro al 2011, con il riconoscimento consegnato alla Chevrolet Volt, l’elettrica ad autonomia estesa (è dotata di un motore termico che funge esclusivamente da alimentatore) di casa General Motors che condivide praticamente ogni componente con la gemella Opel Ampera.

22 novembre 2013
Lascia un commento