È una storia dolce quella che coinvolge la gallina Hilda e i suoi 5 pargoli. Lei è la classica chioccia da pollaio che razzola felice per l’aia, e loro sono cinque piccoli anatroccoli dal manto marrone. Le loro vite si sono improvvisamente intrecciate e unite per caso, per uno scherzo del destino, creando una famiglia unica nel suo genere ma per questo speciale.

Hilda, da brava gallina, si era ritrovata a covare placidamente per un mese cinque uova. Ma alla rottura dei gusci una sorpresa inaspettata: al posto dei comuni pulcini gialli, la chioccia si è ritrovata a capo di una banda di 5 piccoli anatroccoli che hanno identificato in lei la loro unica madre.

Nessuno dei protagonisti ha battuto ciglio a riguardo, lei si considera la loro mamma e loro i piccoli destinati ad amarla. Il proprietario della fattoria ama osservare le buffe gesta di questa nuova famiglia ma ben assortita, mentre lei razzola per i prati i 5 anatroccoli la seguono ovunque. Una condizione che non risulta così assurda, come spesso gli animali ci hanno abituato ad osservare.

Sono tantissime le vicende di famiglie allargate create da specie diverse, magari anche dai classici nemici della catena alimentare. Eppure davanti all’amore e all’affetto è possibile che una tigre cresca 5 porcellini come suoi piccoli, che uno scimpanzè si occupi di un gattino come se fosse suo figlio e che un cane allatti cuccioli di volpe. Una dimostrazione ulteriore di come il mondo animale non veda come limite la razza, ma tenga in considerazione solo l’affetto e l’istinto d’amore.

13 aprile 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento